A Trentin - De Marco (Ford Focus WRC) il 14° Prealpi Master Show

Il Prealpi Master Show, la gara trevigiana di fine anno, organizzata dal Motoring Club, ha come di consueto fatto il pieno d’iscritti. Sono stati 140 gli equipaggi alla partenza di domenica mattina. Una giornata piovigginosa, che non ha però scoraggiato i tanti tifosi, distribuiti lungo tutto il percorso di gara. Una prova speciale tra le vigne di Farra di Soligo, di 8,60 km, da ripetersi quattro volte con lo scarto del peggior risultato. Un fondo sterrato e ghiaioso, che la pioggia ha reso viscido ed insidioso. Mauro Trentin ha vinto agevolmente il primo passaggio, davanti a Luca Bertin e Alessandro Battaglin entrambi su Citroen Xsara WRC. Michele Piccolotto su Citroen Xsara WRC, vincitore della scorsa edizione della gara, ha perso un po’ di tempo all’inizio, ma già nel secondo passaggio ha recuperato dimostrando la padronanza di auto e percorso. Mauro Trentin si è mantenuto sempre saldamente in testa alla classifica e nel terzo passaggio ha staccato il miglior tempo di tutta la gara. “Questa per noi è stata una stagione strepitosa, è andato tutto benissimo e abbiamo concluso l’anno in bellezza con questa vittoria in casa nostra”. Alice De Marco, la sua navigatrice, ha disputato qui la sua centesima gara, la vittoria ha reso i festeggiamenti per questo traguardo, ancora più piacevoli. Grande soddisfazione per Luca Bertin, nonostante le poche gare disputate su terra, ha disputato una gara costante: “Fantastico, non pensavo potesse andare così bene. Non conosco le gare del Challenge Raceday, ma quest’anno ho voluto iscrivermi e cercherò di disputarle tutte. Alla Ronde Balcone delle Marche non era andata benissimo, avevo ancora bisogno di capire il comportamento della Xsara su terra. Qui è andata molto bene”. Michele Piccolotto nel terzo passaggio è uscito scomposto dal salto atterrando nel fosso che costeggiava la strada, è riuscito comunque a rimettersi in carreggiata e nell’ultimo passaggio ha staccato il miglior tempo. “Sono partito troppo lento questa mattina, non so bene come mai. Dopo quell’uscita di strada l’unica cosa che potevo fare era spingere al massimo nell’ultimo passaggio. E’ andata bene e sono riuscito a salire sul podio”. Quarto Marco Tempesini, sempre più a suo agio sulla Ford Fiesta, e pronto ad affrontare le gare toscane del Challenge Raceday.

La lotta in Gruppo N4, iniziata fin dalla prima gara del Challenge Raceday nelle Marche, tra Andrea Smiderle (Mitsubishi Lancer), qui alla sua seconda gara su terra, e il romagnolo Bruno Bentivogli come sempre accompagnato dalla sua Subaru Impreza Sti, è continuata anche sugli sterrati veneti, dove però si è inserito il finlandese Teemu Arminen, alla guida della Subaru Impreza del Motoring Club. Il finlandese si è classificato primo, seguito da Smiderle, terzo Bentivogli, che comunque cono un funambolico ultimo passaggio è riuscito a recuperare terreno. Nel Trofeo Mitsubishi Rally Ronde Evolution Cup si è classificato primo Merli, seguito da Smiderle e Pierangioli. Nel Trofeo Suzuki Winter Cup si è classificato Alessandro Uliana.  In questa gara sono stati istituiti tre trofei dedicati ad Attilio Bettega. “Quando abbiamo saputo che il Motor Show quest’anno non avrebbe proposto il Memorial Bettega, il mio amico Biasiotto ed io abbiamo pensato di creare noi dei trofei che ricordassero Attilio”. Con il beneplacito della famiglia Bettega sono stati creati i seguenti trofei: per il pilota più veloce, che in questo caso è stato Mauro Trentin con il miglior tempo fatto registrare nel terzo passaggio; per il pilota più spettacolare, qui Claudio Conforto Galli che con la sua BMW M3 ha fatto veramente dei numeri incredibili su questo percorso fangoso; per il pilota più giovane in classifica finale, Simone Tempestini. Grande festa sul palco di arrivo davanti al Municipio di Sernaglia della Battaglia. Nonostante il freddo e la pioggia, l’arrivo dei piloti è stato come sempre una grande festa. Il prossimo appuntamento per il Challenge CSAI Raceday Ronde Terra sarà la 4^ Ronde della Val d’Orcia che si disputerà ad inizio Febbraio 2013, sulla bellissima speciale Radicofani. (3 dic.)