Il trofeo 127 ri-evo è già un successo

   Per i non-addetti ai lavori, sette macchine iscritte ad una competizione potrebbero non sembrare moltissime: ma quando si parla di Fiat 127, mitiche vetturette che hanno segnato non solo la storia dei rally italiani negli anni 70-80, ma anche quella della nazione stessa, la cosa assume un sapore tutto diverso. Sette macchine sono davvero tante per questa “sezione speciale” del Rally storico della Riviera Ligure, che a sua volta affiancherà, sabato e domenica, l’omonimo rally moderno. Sono tante perché la manifestazione “127 ri-evo”  (gioco di parole tra “evoluzione” e “rievocazione”) è alla sua prima edizione e in un certo senso ha colto di sorpresa molti piloti che magari avrebbero anche voluto partecipare, ma che la 127 devono “riesumarla” e risistemarla, quindi saranno pronti solo per l’edizione del prossimo anno. Sta di fatto che l’iniziativa di Roberto Ratto (che sarà in campo anche in prima persona  con lo splendido “clone” della macchina di Mauro Albini, alla cui memoria è dedicato tutto il rally storico) ha suscitato vero entusiasmo tra gli appassionati e ha già raccolto l’adesione delle 127 dei seguenti equipaggi: Pianezza – Mazzassa (Sport), Pasetto - Salvo, Cravero – Ricca, Ratto – Pastorino, Vidori – Vidori, Dimarco - Zambelli e Rubino – Reverdito. Non mancheranno di dare spettacolo vero sulle prove del “Riviera ligure”: tifare per credere. (!7 mar.)