Altri articoli...

Moto club Liguria Racing pronto per la ribalta

Dopo il recente debutto assoluto al “Crossodromo la Colla”, il neonato Moto club Liguria Racing si appresta a vivere la sua prima stagione importante. “Dopo anni ed anni d’esperienza – osserva il gruppo dirigente – abbiamo sentito la necessità di impegnarci in prima persona per dare una nuova opportunità ai praticanti liguri che fanno del motociclismo fuoristrada il loro sport di riferimento”. Mc Liguria Racing ovvero motocross, minicross, enduro e supermoto, tutte discipline che saranno interpretate a livello agonistico senza tralasciare l'aspetto ludico, fondamentale nel creare aggregazione.


Per questo motivo il Moto club si è subito dotato di una struttura snella e composta da persone che avranno l'incarico di seguire i diversi aspetti del "racing". Vanina Musicò sarà colei che, per capacità e conoscenza del settore, sovraintenderà il sodalizio dal punto di vista burocratico e manageriale mentre l’aspetto prettamente sociale e, più in generale l'organizzazione di raduni, feste ed intrattenimenti sarà affidato a Simona Armaleo, una professionista del settore.


Entrando nel campo più squisitamente agonistico, Carlo Valdemi, team manager e pluricampione italiano, dall’alto della propria esperienza si  occuperà delle supermoto;  Marco Castronovo, invece, avrà il compito di coordinare il motocross adulto, ma interpretato dai giovani ed ambiziosi agonisti mentre Fabio Rossi – il popolare “Pongo” – sarà il referente per gli inossidabili veteran.


Massimo Cominetti, ispiratore di questa iniziativa, sarà il punto di riferimento del minicross. Al suo fianco, a coordinare l'organizzazione degli eventi riguardanti l'attività dei “cuccioli”, un piacevole ritorno, quello di  Michela Colombo, la ex coordinatrice del motocross ligure che non ha resistito al richiamo della disciplina ed ha deciso di mettere a disposizione la sua competenza anche al fine di far crescere numericamente il Moto club Liguria Racing. (4 gen.)

 


VM Motor Team archivia un ottimo 2017

Nel bilancio annuale, due vittorie, tre podi assoluti e undici successi di classe


Con il recente Rally di Castiglione Torinese sì è conclusa la stagione sportiva 2017 del VM Motor Team, iniziata lo scorso febbraio con la Ronde del Canavese. La scuderia piemontese, guidata da Moreno Voltan, ha collezionato ben 59 partecipazioni tra rally, slalom e Formula Challenge, totalizzando un’altissima percentuale di arrivi al traguardo. I piloti VM hanno infatti visto la bandiera a scacchi per 46 volte, mentre soltanto 13 sono stati i ritiri.


Tra i risultati brillano la vittoria assoluta allo Slalom Mignanego – Giovi, regalata dallo specialista Erik Campagna (ph), vera e propria rivelazione del 2017, che con la sua Formula Arcobaleno si è ritagliato uno spazio importante nel panorama italiano dello slalom e del Formula Challenge. Per il giovane monferrino sono arrivati altri risultati di rilievo, tra cui i due terzi posti colti a Garessio ed al Moncenisio. Da segnalare anche la bella vittoria del genovese Marco Strata ed Ylenia Garbero, arrivata al Rally delle Valli Vesimesi, letteralmente dominato dall’equipaggio VM con una Mitsubishi Lancer N4, ed il terzo posto assoluto alla Ronde Colli del Monferrato e del Moscato ottenuto dai francesi Anthony Puppo e Vincent Delaplanche con una Skoda Fabia R5.


L’annata 2017 si è chiusa con undici vittorie di classe e ben venti podi di categoria, una percentuale altissima rapportata alle partecipazioni totali; nel 52% delle partecipazioni infatti una vettura del VM Motor Team è salita sul podio di categoria. La stagione va quindi in archivio con la grande soddisfazione del patron Moreno Voltan, che è pronto ad un 2018 ricco di novità. “Questo 2017 ci ha regalato molte emozioni – il suo rilevo - abbiamo messo in campo tutte le nostre forze per supportare al meglio i nostri equipaggi e siamo soddisfatti per i tanti bei risultati ottenuti. Il bilancio è certamente buono anche per la parte organizzativa, i nostri eventi hanno riscosso successo e nel 2018 ci saranno diverse sorprese, che sveleremo già dalle prossime settimane”. (2 gen.)

 



Il Natale del Lambretta club Liguria

Invasione di lambrette, in via Cesarea a Genova. L’evento natalizio, giunto alla decima edizione, è stato organizzato dal Lambretta club Liguria. Una quindicina di scooter, alcuni dei quali molto datati ma tutti ottimamente conservati, hanno attirato l’attenzione dei passanti, che si sono soffermati a lungo ad ammirarli e a chiedere informazioni ai loro rispettivi proprietari. L’esposizione ha avuto anche una valenza benefica, con una raccolta di fondi a favore dell’Associazione Gigi Ghirotti, a cui i soci del Lambretta club Liguria sono da sempre molto vicini. Accanto alle lambrette – di cui quest’anno si è celebrato il 70° anniversario della nascita – sono state esposte alcune autovetture storiche messa a disposizione dai soci del Veteran car club ligure. (18 dic.)

 


“Montepremi Organizzatori”: premiazione al Kartodromo di Savignone

Quattro appuntamenti all’interno del calendario Coppa Italia Rally 1^ zona. L’idea di rendere maggiormente attraente questa serie con un montepremi importante, che ha superato in totale i trentamila euroe con la collaborazione diretta di Michelin. Elementi che hanno contribuito alla riuscita di questa iniziativa partita dalla joint venture fra gli organizzatori delle gare a calendario (Alba, Lanterna, Cuneesi e Rubinetto). Ora è arrivato il momento delle premiazioni che si svolgeranno venerdì 15 dicembre alle ore 20 presso il Kartodromo di Savignone (GE), “passerella” che sarà seguita da un apericena.


Una prima edizione che ha registrato una buona risposta anche da parte dei piloti. Una stagione che ha visto la supremazia netta del cuneese Alessandro Gino, vincitore a bordo della Ford Fiesta Wrc dei primi tre appuntamenti (Alba, Lanterna e Valli Cuneesi). La leader ship perentoria di Gino non ha tuttavia diminuito l’interesse per questa serie in cui il valenzano Davide Riccio, in gara su una Fiesta R5, ha concluso alle spalle del cuneese grazie al quinto posto ottenuto nell’ultimo appuntamento, al Rally del Rubinetto, che è valso al pilota Ford il punteggio massimo nella classifica del Montepremi e il successo nel secondo Raggruppamento e nella speciale classifica riservata ai clienti Michelin. Risultato che ha permesso, inoltre, a Riccio di mantenere le distanze dal genovese Alberto Biggi il quale, anch’egli sulla Ford Fiesta, ha concluso in terza posizione. Il savonese Francesco Aragno (ph) ha chiuso alle spalle dei primi tre ma ha conquistato il podio nel secondo Raggruppamento chiudendo terzo.


Degni di nota i successi di Carlo Camere sulla Citroën C2 nel terzo raggruppamento, di Vincenzo Torchio vincitore del quarto Raggruppamento sulla Citroën Saxo, e di Roberto Gobbin a bordo della Fiat Panda nel quinto. Nella serie promossa da Michelin, oltre al successo assoluto di Davide Riccio, da segnalare il secondo posto di Vincenzo Torchio e la terza posizione di Gobbin. Fra i vincitori di raggruppamento si segnalano ancora Carlo Camere e Vincenzo Torchio primi rispettivamente nel terzo e nel quarto. Tutte le classifiche su www.coppaitaliazona1.it (4 dic.)

 


“Il grande salto” di Vanni Oddera

Mercoledì prossimo, 29 novembre, alle ore 18, presso LibrerieCoop al Porto Antico di Genova e con l’organizzazione di AB Eventi, il campione di Freestyle Motocross presenterà il proprio libro "Il grande salto" ("come ho capito che l’amore per gli altri rende felici"), edito da Ponte alle Grazie.


In questo libro il savonese Vanni Oddera racconta la sua storia, quella di un bambino selvatico e sgraziato, che preferisce la solitudine e l’amicizia degli animali a quella dei coetanei. Un rapporto privilegiato con il nonno, suo maestro e complice, e un profondo legame con il bosco, unico luogo di libertà e armonia. Una «vita spericolata» fin dall’infanzia e dall’adolescenza, sempre alla spasmodica ricerca di un confine da superare, di una regola da infrangere. Questo è Vanni, e questo il suo grande sogno: saltare l’ostacolo, colmare il vuoto insopportabile che è dentro ognuno di noi. La sua è una vita fatta di slanci e rovinose cadute, da cui però sa sempre rialzarsi, mosso da un coraggio e un’energia più forti di qualunque limite. E questo è il suo racconto, frenetico e commovente. Vanni Oddera, campione mondiale di Freestyle Motocross, non è solo il protagonista di spericolate evoluzioni in sella alla sua moto, ma un uomo trasparente che non si vergogna dei propri difetti ed eccessi, e che sa donarsi agli altri con estrema generosità: è la «droga dell’amore del mondo», la felicità di regalare «il vento in faccia» a qualcuno che non ha mai provato una simile ebbrezza. Quel bambino solitario e insofferente ha vinto la sua gara, spazzando via ogni barriera, cancellando la paura. E non ha mai smesso di volare.


Vanni Oddera è nato nel 1980 a Pontinvrea, un paese tra Genova e Savona. A scuola non andava bene perché preferiva giocare e correre nei boschi dove ha conosciuto il suo primo amico, il cinghiale Scheggia. Il suo sogno era possedere una motocicletta, con i primi soldi guadagnati se ne è comprata una, e la sua vita è cambiata. In breve tempo è diventato campione di Freestyle Motocross e dal 2009 ha cominciato a condividere questa sua grande passione attraverso la mototerapia , esibizioni di motocross acrobatici dove bambini disabili, portatori di handicap, malati oncologici, persone in carrozzella possono provare l’euforia di salire in sella col campione: un progetto volto a regalare emozioni e adrenalina a chi sembrerebbe destinato a non provarle. (26 nov.)