Altri articoli...

Auto ibride: tutto quello che c’è da sapere

Full Hybrid, Plug-in o Mild Hybrid, sono tante le novità presenti nel settore delle automobili ad alimentazione alternativa, tanto che alcune volte si può creare confusione. Ecco perché Automobile.it ha creato la videoinfograficaAuto ibrida: cos’è, come funziona e quali sono i suoi vantaggi” per fare chiarezza e permettere ai consumatori di orientarsi nel mercato delle vetture ibride. Le domande ricorrenti riguardanti le auto ibride sono tante e diverse, ma le risposte sono più semplici del previsto. Ad esempio, il motore elettrico entra in funzione in supporto di quello termico in momenti precisi, come le partenze, le fasi di massimo carico o quando si viaggia a velocità ridotta.


Nella videoinfografica è stata elaborata una classifica dei 5 modelli più ricercati su automobile.it, visto che ben 4 tra le prime 5 vetture sono della Toyota. Il primo posto va infatti alla Yaris (ph), seguita da C-HR, Auris e RAV4, mentre chiude questa classifica la Lexus NX300. La medaglia per l’auto ibrida più economica va invece alla piccola Suzuki Ignis, che con 16.950€ di listino permette di guidare il suo 1.2 benzina/elettrico.


Ma quali sono i vantaggi delle auto ibride? Secondo quanto spiegato nella videoinfografica, l’auto ibrida è perfetta per chi si trova quotidianamente ad affrontare il traffico cittadino, tra semafori e code a beneficiare della presenza di due motori non è solo l’ambiente (grazie alle emissioni ridotte) ma anche i consumi di carburante e dunque la spesa economica per l’automobilista. Inoltre oggi a disposizione degli automobilisti italiani troviamo l’Ecobonus che permette di avere un incentivo che va dai 2500 ai 6000 € in base alle emissioni di CO2 del modello scelto.


Altri vantaggi dell’ibrido che spesso vengono sottovalutati sono la riduzione dell’inquinamento acustico e la maggiore semplicità per la manutenzione, visto che il comparto elettrico non ha bisogno di alcun intervento particolare da parte del proprietario.  Passando invece alle differenze tra auto ibride ed elettriche si evidenzia come che nel primo caso sono presenti due motori distinti che garantiscono un’autonomia indipendente dalla durata della batteria, aspetto che nelle auto elettriche limita i km percorribili. (6 ago.)


Porsche: ecco le nuove 911 Carrera Coupé e Cabriolet

La famiglia 911 dà il benvenuto a un nuovo membro: Porsche amplia la gamma, giunta all’ottava generazione, con la nuova 911 Carrera*. La nuova sportiva, che viene lanciata in versione Coupé e Cabriolet, monta un motore sei cilindri boxer biturbo da 3.0 litri che sviluppa 283 kW (385 CV) di potenza. La Carrera è il modello d’ingresso della gamma 911 ed eroga 11 kW (15 CV) di potenza in più rispetto al suo predecessore. Le sue dotazioni standard di eccellente qualità risultano praticamente invariate rispetto a quelle della 911 Carrera S e includono interni di alta qualità con schermo touch da 10,9 pollici, connettività completa e innovativi sistemi di assistenza alla guida come, ad esempio, il Porsche Wet Mode, la modalità che garantisce una manovrabilità dell’auto ancora più sicura sulle strade con fondo bagnato.


Come nel caso della Carrera S, il motore, il telaio e i freni sono stati studiati per garantire una sportività esclusiva. Il propulsore sei cilindri boxer da 3.0 litri della 911 Carrera genera potenza essenzialmente attraverso i giranti di diametro ridotto delle turbine e dei compressori che caratterizzano le nuove unità turbo. La trasmissione di potenza viene gestita mediante il nuovo cambio a doppia frizione Porsche (PDK) a otto marce, consentendo alla 911 Carrera Coupé di accelerare da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi e di raggiungere una velocità massima di 293 km/h. Il pacchetto opzionale Sport Chrono riduce di altri 0,2 secondi il tempo di accelerazione. Il consumo di carburante sul ciclo misto (secondo il ciclo NEDC correlato) della Coupé è pari a 9,0 l/100 km, mentre per la Cabriolet è di 9,2 l/100 km.

 

L’assetto dinamico include pneumatici 235/40 ZR montati su cerchi in lega da 19 pollici sull’asse anteriore. Lo schema con pneumatici di dimensioni miste prevede la presenza sul posteriore di cerchi da 20 pollici con gomme 295/35 ZR. La potenza frenante è assicurata su entrambi gli assi da dischi dei freni da 330 millimetri con pinze fisse monoblocco a quattro pistoncini di colore nero.

 

In Italia, il prezzo di vendita della 911 Carrera Coupé parte da 108.139 euro e da 122.779 euro per la 911 Carrera Cabriolet; i prezzi di entrambe le vetture sono comprensivi di IVA e dotazioni specifiche. I due nuovi modelli sono ordinabili già da ora, mentre la versione con trazione integrale sarà disponibile a breve. (30 lug.)

 


Alfa Romeo lancia il nuovo Stelvio Ti

Al via gli ordini di Alfa Romeo Stelvio Ti, la massima espressione di sportività e stile della gamma Stelvio che completa l'offerta con un allestimento spiccatamente orientato alle performance di guida. Non a caso si fregia della storica sigla Ti, "Turismo Internazionale", da sempre sinonimo delle Alfa Romeo più accattivanti e tecnologiche, e i ricchi contenuti non possono che soddisfare le aspettative più elevate.


Piacere di guida e tecnologia - I contenuti di Stelvio Ti sono infatti davvero unici e finalizzati al piacere di guida: sono di serie il Pack Performance, che prevede le palette del cambio al volante in alluminio, il bloccaggio differenziale posteriore e le sospensioni attive AlfaTM Active Suspension, oltre ai pack Sport e Sport Interior. Tra le dotazioni dei pacchetti, volante sportivo in pelle, inserti e pedaliera sportiva in alluminio, sedili sportivi in pelle con regolazione elettrica, ambiente nero. Il tutto senza rinunciare alla connettività e al comfort di bordo grazie ad Alfa Connect 8,8" con integrazione Apple CarPlay e Android AutoTM, l'Adaptive Cruise Control, i fari Bi-Xenon.


Contenuti di stile esclusivi - Anche le scelte estetiche che riguardano gli esterni sono esclusive e destinate a non passare inosservate. Spiccano i nuovi fanali posteriori bruniti e i prestigiosi dettagli che si caratterizzano per l'ampio utilizzo della fibra di carbonio. Sono in carbonio infatti la "V" del trilobo frontale e le calotte degli specchietti retrovisori. Virano sui toni del nero anche altri contenuti come lo skid plate, i poderosi cerchi in lega da 20" in combinazione con le sportive pinze freno rosse, le cornici dei cristalli esterni in nero lucido così come i terminali di scarico, i badge "Stelvio" e "Q4" scuri e i vetri privacy.


Prestazioni eccellenti - Stelvio Ti è proposto in due motorizzazioni capaci di garantire il meglio delle performance. Il 2.2 Turbo Diesel da 210 CV, abbinato al cambio automatico a otto marce e alla trazione integrale Q4, appartiene a una nuova generazione di propulsori a quattro cilindri - interamente in alluminio e dotati di albero di trasmissione in fibra di carbonio - capaci di esaltare l'anima sportiva del SUV che, soprattutto sul percorso misto, restituisce sensazioni uniche anche al guidatore più esperto. Così equipaggiato, il SUV Stelvio Ti raggiunge una velocità massima di 215 km/h e passa da 0 a 100 km/h in appena 6,6 secondi. Ancora più emozionante il propulsore 2.0 Turbo benzina da 280 CV, sempre abbinato al cambio automatico a 8 marce e alla trazione integrale Q4. Il motore è un 4 cilindri costruito interamente in alluminio e con l'albero di trasmissione in carbonio. Alfa Romeo Stelvio Ti 2.0 Turbo benzina da 280 CV (coppia massima di 400 Nm a 2.250 giri/min) garantisce prestazioni ai vertici della categoria passando da 0 a 100 km/h in appena 5,7 secondi. La velocità massima è di 230 km/h. (17 giu.)

 


La Ferrari Testarossa “auto dei sogni” degli italiani

“I sogni son desideri” e spesso quando si sogna ad occhi aperti ci si immagina al volante di una Ferrari Testarossa con finiture di lusso e optional all’avanguardia. Automobile.it, ha condotto una ricerca su un campione di 1000 italiani indagando desideri, preferenze e curiosità a tema “auto dei sogni”.


La pole position tra le preferenze degli italiani quanto ad auto dei sogni viene conquistata da un mito incontrastato di sempre, la Ferrari Testarossa, seguita a sorpresa da due modelli sicuramente più accessibili: la Fiat 500 e la Fiat Panda. Analizzando le risposte degli uomini e quelle delle donne si vede che nel primo caso (con il 12% delle preferenze) la Ferrari Testarossa si conferma al primo posto mentre la maggioranza delle donne (8%) sogna di poter parcheggiare in garage una BMW Serie 4 Gran Coupé.


Infine non manca uno spaccato sulle diverse realtà geografiche con dati relativi ai capoluoghi italiani: da Torino, dove il brand più amato è Toyota, a Palermo dove invece le preferenze sono per Audi. A Milano le capolista sono BMW, Ferrari e Mercedes a pari merito mentre a Napoli spicca BMW. A Roma e Firenze si riscontrano invece due ex aequo: Audi e BMW per la Capitale e Ferrari e Ford per il capoluogo toscano.


La Ferrari, con il 15% dei voti, conquista non solo la medaglia di auto più desiderata dagli italiani ma anche quella di “auto più bella di sempre” seguita al secondo posto dalla Mercedes SLK e dalla Fiat 500 (entrambe con il 3% delle preferenze).


Ma perché si sogna di possedere proprio quel modello di auto? Le ragioni sono tante ma su tutte vince il “Design” con il 39% delle preferenze, segue la “Tecnologia” con il 17% e il “Motore” con il 10%. La survey ha inoltre indagato su quale fosse il brand di auto più amato in assoluto: Fiat, la casa automobilistica italiana per eccellenza - quantomeno nell’immaginario collettivo - porta a casa il primo posto, seguito da Audi e Ford. La ricerca ha dedicato spazio anche a qualche curiosità: l’auto protagonista di film o serie tv entrati nella storia più desiderata è nuovamente una Ferrari, questa volta la 308 di Magnum P.I, seguita dalla Aston Martin DB5 di James Bond e dalla Batmobile di Batman.


Quali sono invece le auto storiche più amate dagli italiani? Sul podio svetta la Porsche 911 e in rapida successione il Maggiolino Volkswagen e la Fiat 500 (vecchio modello). (8 giu.)

 


Skoda lancia la Scala sul mercato italiano

La nuova berlina Skoda Scala è pronta per il debutto sul mercato italiano, con un porte aperte presso tutte le Concessionarie italiane in programma domani e domenica. Il nuovo modello segna un momento fondamentale nello sviluppo del brand, portando in un importante segmento di mercato contenuti ai vertici della categoria in fatto di assistenza attiva alla guida e connettività.


Il nuovo modello, interamente inedito, sfrutta la grande flessibilità concessa dalla piattaforma MQB per offrire un’eccellente abitabilità interna ai 5 passeggeri, anche in virtù del passo lungo ben 2.649 mm. Come da tradizione Skoda, in 4.362 mm di lunghezza, Scala mette a disposizione il vano bagagli best-in-class, con una volumetria che varia da 467 litri con il divano posteriore in uso, fino a 1.410 litri abbattendo le sedute posteriori.

 

Scala si colloca ai vertici del proprio segmento anche in fatto di sistemi di guida autonoma di livello 2 e prosegue in modo ideale il percorso di democratizzazione della sicurezza, iniziato da Skoda negli scorsi anni con i modelli Superb e Kodiaq. Infatti, fin dalla versione di accesso Ambition, Scala propone di serie la frenata automatica con riconoscimento dei pedoni Front Assistant, il sistema di mantenimento attivo della corsia di marcia Lane Assistant e il radar per il controllo della distanza di sicurezza e il mantenimento della velocità Adaptive Cruise Control. Sempre di serie sono presenti il dispositivo Driver Activity Alert che riconosce eventuali segnali di stanchezza del conducente, invitandolo a fare una pausa e la chiamata automatica di emergenza in caso di sinistro.

 

Il nuovo modello porta al debutto anche il sistema di infotainment di nuova generazione, caratterizzato dalle più recenti possibilità in fatto di connettività estesa. Scala è dotata di serie di schermo touch da 8” e della tecnologia Smartlink+ con protocolli Apple Car Play e Android Auto per la connessione del proprio smartphone, oltre al sistema bluetooth. Di serie per la versione Style e in opzione per Ambition e Sport, è poi disponibile il navigatore satellitare Amundsen con schermo da 9,2” e connettività estesa grazie alla Sim LTE integrata, che permette di accedere a servizi e funzionalità avanzati. Oltre al calcolo del percorso tenendo conto del traffico in tempo reale è possibile, per esempio, verificare le condizioni meteo a destinazione o il prezzo del carburante nella stazione di rifornimento più vicina, senza dovere impiegare il traffico dati del proprio smartphone. Il sistema Skoda Connect, infine, permette di monitorare numerosi parametri e interagire con l’auto a distanza, tramite una App dedicata.

 

Skoda Scala è proposta in Italia con motorizzazioni 1.0 TSI 95 CV e 115 CV, 1.5 TSI 150 CV e 1.6 TDI 115 CV, in abbinamento a cambi manuali o automatici DSG. I prezzi partono da 19.960 euro per la motorizzazione 1.0 TSI 95 CV in versione Ambition. A partire dall’autunno, Scala sarà disponibile inoltre con motorizzazione 1.0 G-TEC 90 CV a metano, che offre tutti i vantaggi economici e ambientali dell’alimentazione a gas naturale, senza rinunciare al piacere di guida e alla migliore tecnologia. (24 mag.)