Altri articoli...

Rallye Sanremo agrodolce per Davide Craviotto

E’ stata agrodolce la “prima volta” al Rallye Sanremo per Davide Craviotto. Il pilota genovese ha partecipato alla gara ligure – seconda prova del CIR (Campionato italiano rally) – con la Peugeot 208 (ph) della By Bianchi, con il fido Fabrizio Piccinini alle note e a difesa dei colori della scuderia Project Team, conseguendo la quarantunesima posizione assoluta finale e la sedicesima in classe R2B.

 

“Anche se non è andata come speravo – commenta Davide Craviotto – sono comunque soddisfatto per essere riuscito a salire sul palco di arrivo di questa bellissima ed unica gara. Malgrado il tempo incerto, che ci ha fatto optare per le gomme sbagliate, nella prima frazione non stavamo andando male. Al bivio di Bajardo, però, la vettura si è spenta improvvisamente e non è più ripartita: una volta riusciti a raggiungere l’assistenza abbiamo amaramente realizzato che, a fermarci, era stato il capocorda di un cavo di massa, che si era tranciato per le vibrazioni”.

 

“Dopo aver deciso di ripartire con il super rally – prosegue il pilota genovese – abbiamo registrato un avvio promettente. In seguito, però, da ultimi della classe a transitare, abbiamo pagato pegno alle condizioni meteo, beccando anche un bel nebbione nell’ultima ps. In fondo, però, ci siamo arrivati: la gara si è rivelata più difficile del previsto ma le belle sensazioni provate prima di salire sul palco, con tutti gli amici ad aspettarci per salutarci e complimentarsi, rimarranno a lungo, anzi per sempre dentro di noi”. (16 apr.)

 


Craig Breen ed un Rallye Sanremo da ultimo minuto

Una gara decisa all’ultima prova speciale. Basterebbe questo per descrivere il Rallye di Sanremo, dopo due giorni di gara condizionati dal meteo, un continuo alternarsi tra sole e pioggia che ha costretto i team agli straordinari per centrare le gomme e i set-up giusti. Tutto si è deciso sulla PS10 Testico – Colle D’Oggia di 34, 45 km dove Simone Campedelli (Ford Fiesta R5) e Craig Breen (Skoda Fabia R5, ph) si presentavano con un distacco di 10 secondi, e Giandomenico Basso in ogni caso era pronto a rientrare nelle posizioni alte del podio, data la lunghezza della prova. Che è stata vinta dal pilota mondiale irlandese Craig Breen il quale, grazie ad un tempo stratosferico, ha scavalcato Campedelli e conquistato il “Sanremo” 2019. All’arrivo l’irlandese non è riuscito a trattenere le lacrime. Attardato in prova di oltre 4 secondi da Breen, Simone Campedelli chiude secondo la PS10 e secondo nella classifica generale: nulla ha potuto di fronte ad una prestazione veramente al top del pilota irlandese. Terzo di speciale e terzo anche nella generale Giandomenico Basso, che ha chiuso staccato di 33” dal vincitore e di oltre 28” da Campedelli. Palese come abbia difeso il podio dagli inseguitori più che a pensare a improbabili rimonte.


In gara, Simone Campedelli si è mostrato subito in grande forma, sin dalle prime prove, imponendo un grande ritmo agli avversari e allungando in modo prepotente nelle sempre affascinanti prove notturne con la sua Ford Fiesta R5. Un piccolo errore sulla prima prova del secondo giorno faceva allontanare, ma solo in apparenza, il pilota irlandese Craig Breen che, man mano che passavano i km, ha preso sempre più confidenza con le tortuose strade liguri. Breen ha cosi mantenuto un livello costante per tutta la gara facendo elastico con il suo avversario Campedelli, il quale era costretto ad alzare sempre il ritmo. Giandomenico Basso ha cercato di controllare i suoi inseguitori -specialmente Luca Rossetti e Andrea Crugnola - dall’alto della sua terza posizione, pronto ad approfittare della grande battaglia tra i due davanti. Il pilota Citroën non riesce ancora a sfruttare al massimo la nuovissima C3 R5 ma il campionato è ancora lungo e di sicuro sarà di certo un protagonista. Franceschì, giunto quarto, si è dimostrato talentuoso e veloce: il francese ha tenuto un ritmo alto e mostrato maggiore confidenza con il mezzo. (14 apr./testo e ph Nicolas Rettagliati)

 


Rallye Sanremo Leggenda in “salsa” genovese

Si parlerà molto genovese, domani, 13 aprile, all’11° Rallye Sanremo Leggenda, al via poco dopo le ore 8. L’impegno delle scuderie locali è stato notevole: buona, dunque, la rappresentanza dei portacolori metropolitani in questa gara valida per la Coppa di 2^ Zona.


Racing for Genova Team – Spetta al sodalizio diretto da Raffaele Caliro la parte del leone, con ben otto vetture in lizza, due delle quali in R5, classe “regina” della gara: sono la Ford Fiesta di Michele Guastavino e Laura Bottini e la Skoda Fabia di Maurizio Rossi e Marta De Paoli, due equipaggi pronti a ritagliarsi un ruolo da protagonisti assoluti. In gara con loro i savonesi Francesco Zicari e Marino Mondino (Peugeot 208 - R2B) e Alessandro Schena - Monica Briano (Renault Clio Williams - A7). Completano la squadra due Clio Rs in classe N3, quelle degli affidabili coniugi chiavaresi Lorenzo Mottola e Romina Mazzino e di Manuel Sartori - Enrico Bracchi ed altrettante Peugeot 106 di classe N1 che saranno portate in gara da Enrico Pagano – Giorgio Antichi e da Nicolò Franca – Mirella Siri.

 

Sport Favale 07 – La piccola scuderia di Favale di Malvaro si affaccia sulla kermesse matuziana con tre equipaggi: Riccardo Tirini con Ann Paulette Aurelie Maingre (Renault Clio Williams – A7), Danilo Morando e Emanuela Revello (Citroën Saxo – A6) e Mattia Canepa - Giorgia Lecca con la Citroën C2 (ph, di V. Fontana) di Gruppo Racing Start.

 

Lanterna Corse Rally Team – Il sodalizio presieduto da Pierluigi Sforzini sarà in gara con due equipaggi, entrambi in classe N3 su Renault Clio Rs. Alberto Verardo e Cristina Rinaldis cercheranno di dimenticare la sfortuna del Rally dei Laghi, terminato anzitempo per un problema meccanico. Per Riccardo Gallo invece si tratterà della prima volta sulle mitiche prove speciali liguri: il giovane “figlio d’arte” genovese sarà nuovamente affiancato dall’esperto Marco Gallizia con l’obiettivo di accumulare esperienza, senza però dimenticare il cronometro.

 

EfferreMotorsport – Il sodalizio alessandrino sarà al via del “Leggenda” con quattro vetture, tre delle quali affidate a piloti genovesi. Il veterano Alberto Biggi, con l’imperiese Marco Nari e al volante della Skoda Fabia R5, si propone per una gara di assoluto rilievo. Con l’obbiettivo di concludere la gara e trovare un posto finale sul podio saranno, invece, in lizza le Peugeot 106 N2 di Davide Melioli, con Enrico Figari alle note, e Fabrizio Ippolito – Sara Pastorelli. (12 apr.)

 


Racing for Genova Team pronta a “sbancare” Sanremo

E’ pronta a “sbancare” Sanremo la scuderia Racing for Genova Team con ben dieci vetture al via dei due rally – “tricolore” e regionale - che infiammeranno la Cittadina dei Fiori venerdì e sabato prossimi. Il 66° Rallye Sanremo, secondo atto del Campionato italiano rally, vedrà al via uno degli equipaggi più popolari del sodalizio genovese, quello formato dai locali Danilo Ameglio e Massimo Marinotto che, con la loro piccola fida Peugeot 106 1600 gruppo A, cercheranno di mostrare i muscoli ad avversari dotati di mezzi più performanti ed aggiornati. In gara con loro anche i locali Luca Fidale e Franco Revelli, a caccia di una prestazione da protagonisti in classe N3 con la loro nuova Renault Clio Rs.


Ben otto, invece, gli equipaggi della Racing for Genova Team in lizza sabato nell’11° Rallye Sanremo Leggenda, valido per la Coppa Rally – 2^ Zona. Due saranno tra i protagonisti della R5, la classe “top” della gara: Michele Guastavino e Laura Bottini (Ford Fiesta, ph), desiderosi di migliorare l’ottavo posto assoluto conseguito alla Ronde Val Merula, e Maurizio Rossi e Marta De Paoli (Skoda Fabia), probabili outsider in una classe molto agguerrita. Riflettori puntati anche sull’interessante Peugeot 208 dei savonesi Francesco Zicari e Marino Mondino, decisi a dire la loro nella R2B, e sulla affidabile Renault Clio con cui Alessandro Schena e Monica Briano venderanno cara la pelle in classe A7.

 

Pronte a recitare un ruolo da protagoniste nell’affollata classe N3 anche le due Renault Clio Rs che saranno portate in gara dai veloci coniugi chiavaresi Lorenzo Mottola e Romina Mazzino e da Manuel Sartori e Enrico Bracchi. Due vetture della Racing for Genova Team, infine, anche in classe N1, le piccole Peugeot 106 dei veterani Enrico Pagano – Giorgio Antichi e di Nicolò Franca – Mirella Siri.


Preziose indicazioni, per la scuderia Racing for Genova Team, dagli impegni dell’ultimo fine settimana. Gigi Giacobone e Monica Cicognini (Skoda Fabia R5) hanno conquistato la settima posizione finale al rally Appennino Reggiano, gettando buone basi per il loro proseguo di stagione, mentre Alessandro Polini (Polini 01 Bmw) è giunto terzo assoluto e primo di classe nello slalom Città di Dorgali. Sorte avversa alla Liburna Terra per Angelo Ferrari e Sara Montavoci (Citroën Saxo N2), messi ko da un inconveniente tecnico dopo pochi km di gara. Gare annullate, invece, per Giacomo Gozzi e Stefano Zambelli, rispettivamente al maxi slalom di Battipaglia ed alla cronoscalata storica Camucia – Cortona.


Domenica prossima, sul Circuito del Mugello, i portacolori della Racing for Genova Team Vittorio e Marco Vittorio Pugliese saranno impegnati con la loro Porsche 911 nella serie di gare valide per Coppa Italia Turismo, 2 Ore Endurance Champions Cup, Novecentoundici Race Cup e Campionato italiano Autostoriche. (9 apr./ph N. Rettagliati)

 


Slalom “Mignanego – Giovi”: aperte le iscrizioni

Iscrizioni aperte per la 37^ edizione dello slalom “Mignanego – Giovi”, che quest’anno abbandonerà la sua tradizionale data di svolgimento (1 maggio) per slittare al fine settimana del 4 e 5 maggio. Gli organizzatori della Scuderia Valpocevera hanno diramato il programma della manifestazione che prevede, nel pomeriggio della prima giornata, dalle ore 16 alle 19:30, lo svolgimento a Busalla delle verifiche sportive e tecniche; alle ore 18, sempre nella località della Valle Scrivia, il via alla sfilata per le vie cittadine delle vetture partecipanti all’evento e, dalle ore 20:00, il Gran Galà del Birillo, la cena riservata a piloti ed addetti ai lavori promossa dalla Pro Loco di Busalla.


Chi non potrà sottoporsi alle operazioni preliminari il sabato pomeriggio potrà farlo, previa prenotazione, nelle prime ore della mattinata di domenica al Passo dei Giovi. Alle ore 10:00 lo slalom “Mignanego – Giovi” entrerà nel vivo con la manche di ricognizione e, alle 11:45, verrà dato il via alla prima delle tre manche su cui la gara è articolata. La premiazione finale, prevista alle 17:30 al Passo dei Giovi, concluderà la due giorni di quella che tutti definiscono “l’Università del birillo”.

 

Le iscrizioni si chiuderanno il 29 aprile prossimo e dovranno essere inviate per posta elettronica, tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito, all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Anche per l’edizione 2019 gli organizzatori adotteranno iniziative promozionali per i concorrenti: gli under 23 usufruiranno di uno sconto del 50 per cento sull’iscrizione che, invece, sarà gratuita per le “lady”. Nel 2018, 106 piloti alla partenza e successo finale di Pasquale Bentivoglio (ph) su Tatuus - Kawasaki Gruppo E2 SS. (6 apr./ph S. Bertuccioli)