Altri articoli...

Invasioni Digitali al Museo della 500

Anche quest'anno il Museo della 500 Dande Giacosa aderisce al programma culturale Invasioni Digitali. Si tratta di un urban - game che fornisce una visione differente dei luoghi di cultura: armati di smartphone e tablet, tutti possono partecipare all'invasione e far conoscere, tramite condivisioni sui social, la bellezza e l'interesse del luogo invaso.


Sabato prossimo, 21 aprile, a Garlenda si terrà un doppia invasione. A partire dalle 15.30 le porte del Museo "Dante Giacosa" saranno aperte per chiunque voglia conoscere un pezzo di storia del nostro Paese attraverso la mitica 500: modelli speciali, pannelli illustrativi, giochi multimediali e molto altro vi attendono per rendere indimenticabile questa esperienza.


A seguire si terrà l’invasione del Castello Costa del Carretto, di proprietà del Comune di Garlenda e gestito dalla società “Il Lentisco srl”. Un luogo pieno di storia che racchiude il fascino di racconti risalenti addirittura al XII secolo. All’interno una interessante esposizione di antiche vestigia della civiltà contadina. A conclusione della visita verrà offerto dalla società “Il Lentisco” e dal Fiat 500 Club Italia un rinfresco presso le splendide cantine del Castello. (19 apr.)

 


Grande attesa per Asimotoshow 2018

In pista oltre 450 moto; presenti anche Giacomo Agostini, Freddie Spencer e Steve Baker

 

C’è già grande attesa per l’edizione 2018 di Asimotoshow, la kermesse organizzata dall’Automotoclub Storico Italiano dall’11 al 13 maggio sul circuito di Varano de Melegari. In pista, suddivise nelle tradizionali batterie, gireranno oltre 450 motociclette, fedeli testimoni della storia internazionale a due ruote. Numerosi anche i campioni presenti a Varano: tra questi, anche il 15 volte iridato Giacomo Agostini,  insieme al team ufficiale Yamaha Classic Team. Con loro anche Steve Baker, statunitense campione del mondo 750 nel 1977, ed il monegasco, prima centauro (negli anni ’70-80) poi pilota di successo nelle quattro ruote ed oggi apprezzato team manager, Hubert Rigal.


In tema di Campioni hanno dato conferma della loro presenza anche l’americano tre volte campione mondiale Freddie Spencer, il venezuelano due volte iridato Carlos Lavado, lo spagnolo Benjamin Grau  e gli italiani Eugenio Lazzarini (3 titoli mondiali) e Pier Paolo Bianchi (3 titoli mondiali) e Manuel Poggiali (2 titoli mondiali). Sarà presente anche il campione francese Jean Francois Baldè. E poi Remo Venturi, classe 1927, che ha garantito la sua presenza in pista.  Ad Asimotoshow ci sarà ovviamente anche il presidente dell’Asi Maurizio Speziali il quale parteciperà con una moto  Morini Tresette 175cc di suo papà Fernando.


Variegate le partecipazioni di club e team che presenteranno iniziative legate al mondo delle due ruote.  Segnaliamo ad esempio la 50x200, ovvero la partecipazione in pista, a grande richiesta, di duecento Cinquantini degli anni 70-80. Anche quest’anno sarà presente ad Asimotoshow il Gruppo Laverda Corse. Parteciperà con alcune moto  da corsa della collezione con particolare attenzione ai modelli più rappresentativi: regaleranno emozioni una Laverda 1000 V6  1977, una Laverda 500 Endurance  del 1979, una 1000 RGS TT1 del 1981,  una Laverda 1000  3C  Endurance del 1974, una Formula 500 cc del 1979 ed una Laverda 600 TT del 1981.


Anche il Rudge Enthusiasts Club England sarà presente con un nutrito gruppo di piloti che porteranno in pista le rarissime  Rudge da GP ufficiali con le quali Graham Wolker, Tyrell Smith, Ernie Nott dominarono la scena internazionale delle corse nei primi anni ‘30. Sarà presente ad Asimotoshow anche il campione inglese Mervyn Stratford con la sua velocissima 250cc. Per quanto riguarda la mostra statica, oltre ad una collezione di moto in rappresentanza della  produzione Rudge, alle derivate Python e alle ufficiali da corsa della Casa, verrà presentata anche una Rudge  D5: si tratta di una TTR che corse negli anni d’oro della Rudge, dal 1933 al 1938, sulla quale venne montato uno dei pochissimi motori speciali prodotti dalla Rudge per gare di accelerazione e speedway, con 4 valvole semi radiali, testa in bronzo, carters rinforzati e tiranti che ancoravano la testa avvitati direttamente sui carters per evitare la rottura a taglio del cilindro.  E poi le Moto DEM ,dai Cinquantini di qualità alle corse, Le Harley  da corsa portate a Varano da alcuni collezionisti; Senza dimenticare le Moto col compressore della Collezione Righini, e ancora il Registro storico Benelli  con la storia del Leoncino e la presentazione del nuovo Leoncino, la Suzuki con moto GP e altre, e i 40 anni dell’elefantino con una parata in pista delle moto Cagiva.


Tante le ambientazioni che verranno realizzate dai club partecipanti. IL CMEF ad esempio, allestirà tre differenti ambientazioni catapultando il visitatore negli anni ’60. La prima, si riferisce a quanto accaduto all’inizio del ’60 in Inghilterra, quando si avvertì un conflitto sociale che diede vita ai 2 movimenti culturali dei Mods e dei Rockers, i primi abituati a vestirsi elegantemente, e gli altri, invece caratterizzati da un abbigliamento in pelle con capelli e basette lunghe. I Mods erano soliti usare la Vespa e la Lambretta, mentre i Rockers utilizzavano moto di grossa cilindrata risalente agli anni ’30 e ’40. La seconda ambientazione proposta dal CMEF, farà riferimento al fenomeno tutto italiano dei “cinquantini”. La terza ambientazione sarà invece dedicata al mondo Hippy con in bella mostra le moto e le maxi moto giapponesi che invasero il mondo, decretando la fine della supremazia di molti marchi europei divenuti, improvvisamente, obsoleti.


Il programma ufficiale prevede l’arrivo e i primi giri in pista  venerdì 11 maggio; alle 14 l’inaugurazione ufficiale alla quale sarà presente la nuova auto stradale Dallara con l’ingegnere Dallara che girerà in pista insieme  al Presidente dell’Asi Maurizio Speziali e le Autorità locali su alcuni sidecar. Nel pomeriggio le prime batterie e poi in serata aperitivo al Castello di Varano; sabato iniziative varie e nuove serie di batterie. Sempre sabato le signore saranno accompagnate  in gita al Castello degli Scipioni mentre gli  accompagnatori potranno fare visita all’Azienda Dallara.  Alla sera Cena degli Appassionati con le premiazioni. Domenica altre batterie e iniziative al paddock.   L’ormai tradizionale Parata dei Campioni, il momento forse più atteso da sempre, sia per i partecipanti che per il pubblico, concluderà Asimotoshow 2018. (6 apr.)

 


 


 

 

Mille Miglia 2018 tra certezze e novità

La Mille Miglia 2018 riaccenderà i motori tra poco più di un mese e mezzo e lo farà, come sempre, con novità e con grande entusiasmo. A differenza delle scorse edizioni, la Rievocazione anticiperà la partenza di un giorno, anziché il consueto giovedì, prenderà il via mercoledì 16 maggio: di conseguenza anche l’arrivo avverrà il sabato. Le luci della festa sul vincitore, però, non si spegneranno subito dopo l’arrivo ma, per la prima volta, dal tardo pomeriggio, si darà il via alla lunga notte della Mille Miglia.


Come da tradizione la corsa bresciana vedrà tra i partecipanti una ricca schiera di personaggi celebri del mondo delle corse e non solo. Uno tra tanti è il pluricampione del mondo Rally Walter Rohrl. Le vetture, come sempre, saranno le regine indiscusse, vetture affascinanti, ma soprattutto con una storia e un palmares invidiabile. La 91^ edizione della “corsa più bella del mondo” porterà 440 vetture a spasso per mezza Italia. Saranno oltre 1650 km tra incantevoli paesaggi e strade da sogno che faranno da cornice a questa Rievocazione.


La prima tappa vedrà la partenza nel centro di Brescia, nelle prime ore del pomeriggio i concorrenti attraverseranno Desenzano, Sirmione, e lo stupendo Parco Giardino Sigurtà. Si dirigeranno poi a Mantova, Ferrara per concludere a Milano Marittima questa prima frazione di gara. La seconda tappa toccherà Pesaro, la spettacolare rocca di San Marino e poi ancora Arezzo, Cortona, Orvieto. La carovana, nella tarda serata, giungerà nella Città Eterna, Roma, con le sue luci e le sue meraviglie darà la buonanotte alla corsa.


Il riposo sarà breve, perché all’alba prenderà il via la terza tappa dirigendosi verso i paesaggi mozzafiato della Toscana. Siena, Lucca con i suoi vicoli stretti e colorati per poi proseguire verso la modaiola Versilia. Come novità c’è l’attesissimo passaggio in Liguria, a Sarzana, strada percorsa 59 anni prima dalla vera Mille Miglia. La tappa si concluderà a Parma. Infine, la quarta ed ultima fatica, vede protagonista l’Autodromo di Monza con le sue paraboliche, proseguendo verso Bergamo e ritornare finalmente sulla via di “casa”, a Brescia. Ad accoglierla, come sempre, un calorosissimo pubblico che farà da cornice all’arrivo dei concorrenti. Appuntamento, quindi, dal 16 al 19 maggio per tifare o semplicemente ammirare questo e unico museo viaggiante. (4 apr./testo e foto di Nicolas Rettagliati)


Consensi per il Raduno Abarth “Città di Ospedaletti”

Ha lasciato il segno l’inedito Raduno Abarth “Città di Ospedaletti”, organizzata dall’Abarth Club Riviera dei Fiori in collaborazione con Sanremo Rally team e Comitato Circuito Ospedaletti. Con Anneliese Abarth in veste di “madrina” e con l’intramontabile campione dei rally Amilcare Ballestrieri nel ruolo di guest star, la manifestazione ha richiamato nell’imperiese ben 46 vetture, tra storiche e moderne, molte delle quali in rappresentanza ufficiale di 6 sodalizi del celebre “scorpione”: il francese Abarth Club PACA, l’Abarth Club Switzerland e gli italiani Abarth Club di Valle d’Aosta, Cuneo, Firenze e Varese oltre a quello locale della Riviera dei Fiori.


Il raduno si è articolato su due giornate: nella prima, espletate le formalità tecniche, le vetture hanno affrontato una Ronde di un centinaio di km sulle colline dell’entroterra alle spalle di Ospedaletti, Sanremo e Bordighera, su strade aperte al traffico. Nella mattinata della seconda, invece, le stesse si sono misurate su un tratto del Circuito di Ospedaletti, in una  prova di regolarità su un percorso di 1400 metri, con un tempo assegnato, che hanno eseguito più volte.


“Nonostante le previsioni meteo avverse – ha rilevato Gianni Campanelli, responsabile del Sanremo Rally team - siamo stati graziati dal tempo. Al sabato, durante il giro della Ronde, la giornata è stata soleggiata mentre la domenica c’era una leggera pioggerellina, che però non ha guastato la prova di regolarità. Alla fine tutti contenti e soddisfatti, l'evento si è rivelato un successo, per la felicità della “madrina” Anneliese Abarth”. (28 mar.)

 


“Prima” a Volandia per la Collezione Asi Bertone

Sabato 7 aprile al Museo di Volandia , situato nei pressi dell’aeroporto di Malpensa, l’Automotoclub Storico Italiano presenterà la Collezione Asi Bertone acquisita a settembre del 2015.  Dopo il fatidico taglio del nastro da parte del presidente dell’Asi Maurizio Speziali e del presidente di Volandia Marco Reguzzoni la giornata si articolerà, in un clima di festa e di cordialità, su una serie di appuntamenti. Negli ampi spazi espositivi degli storici edifici delle ex Officine Caproni sarà possibile ammirare 76 vetture, una moto ed una bicicletta del designer torinese Nuccio Bertone.


A spiccare fra i modelli esposti a Volandia va menzionata sicuramente la Lamborghini Miura S del 1967, definita una delle auto più belle di sempre, un capolavoro senza tempo che fu presentata al Salone di Ginevra del 1966, facendo di colpo “invecchiare” tutte le sportive presenti sul mercato di allora. Altro pezzo da novanta l’Alfa Romeo Giulia SS del 1963 dalla linea decisamente attraente, frutto della rielaborazione degli stilemi tradizionali Alfa Romeo. Non da meno la Lancia  Stratos HF (ph), protagonista di una straordinaria serie di successi sportivi diventando ben presto una delle stradali più sognate e ambite. Di notevole interesse anche i prototipi come la BMW Birusa, la Porsche Karisma, la Ferrari 308 GT4 Rainbow, l’Aston Martin Rapid Jet e le due Jaguar PU99.


Dalle 10 alle 12 si svolgerà il Convegno intitolato Motori di Cultura: vi parteciperanno il direttore del Museo nazionale dell’automobile “Giovanni Agnelli” di Torino Rodolfo Gaffino Rossi insieme al conservatore del museo Davide Lorenzone e a Silvia Nicolis del Museo di Villafranca di Verona. Con loro ci saranno Danilo Castellarin (presidente della Commissione Storia e Musei dell’Asi), Stefano Chiminelli (presidente Circolo Veneto Automoto d’epoca), Costantino Frontalini (fondatore del Museo del Sidecar di Cingoli), Giuseppe Valenza (La Sicilia della Targa Florio) e Roberto Vellani (Direttore del Museo dell’automobile di San Martino in Rio.


Sempre sabato a Volandia verrà poi presentata e distribuita la nuova brochure  “La Strada dei Musei” un interessante vademecum sui musei dedicati ai motori presenti in Italia e a cura di Danilo Castellarin. Sarà presente anche il gentleman-driver Edoardo Lualdi Gabardi, campione italiano anni ’60. Sabato potrà essere visitato l’intero museo di Volandia. Ingresso gratuito per i soci Asi più un accompagnatore. (27 mar.)