"Risorge" il rally Valli Genovesi

 

L'1 e 2 novembre torna a vivere la gara che si disputò dal 1988 al 1998

 

Nel giorno dedicato al ricordo dei defunti, "risorge" il rally Valli Genovesi. A riportare in vita una gara che infiammò l'ambiente genovese e ligure per undici stagioni, dal 1988 al 1998, sarà la Lanternarally che, superati i timori che l'avevano accompagnata nelle ore precedenti il rally della Lanterna, ha ritrovato il giusto entusiasmo per accrescere la propria offerta organizzativa. La data scelta per l'undicesima edizione (ma qualcuno osserva che questa sarà la dodicesima...) è quella del 1-2 novembre prossimi, con la gara che interesserà il ponente genovese, in particolar modo la delegazione di Pegli ed il relativo entroterra: il format scelto dagli organizzatori è quello del Rally Day, con la disputa di sei prove speciali nell’arco di una sola giornata di gara, domenica 2 novembre: le iscrizioni si sono aperte il 2 ottobre e si chiuderanno lunedì 27.


La storia - Il rally Valli Genovesi fu organizzato dal Valli Genovesi Team per nove edizioni consecutive, dal 1988 al 1996. In quell'anno, il compianto Marcello Porcile, deus ex machina della manifestazione, prematuramente scomparso qualche anno fa, trovandosi nell'impossibilità di dar vita alla gara, convocò Marco Gallo - uno dei suoi migliori allievi nonché attuale componente della Lanternarally - e gli chiese di collaborare nell'organizzazione del rally, che già in quell'edizione si corse sotto l'egida del Valli Genovesi Team e della Scuderia '90 Busalla . Dal 1996 il rally Valli Genovesi cambiò location (si trasferì in quel di Torriglia) e, per le successive due edizioni, si disputò con la doppia denominazione di rally Appennino Ligure, definizione che assunse poi definitivamente dal 1999. Dislocato nel ponente, nel 1989, in vista del 1992, anno delle Celebrazioni colombiane per il Cinquecentenario della scoperta dell'America - il rally Valli Genovesi anticipò tale ricorrenza con un Riordino a Genova, in piazza Dante, a due passi dalla Casa di Cristoforo Colombo, e con la partecipazione di un equipaggio spagnolo.


L'albo d'oro - 1988 Bettanin - Caliro (BMW M3); 1989 Rossi - Caliro (Lancia Delta Integrale); 1990 Ferrara - Marinotto (Lancia Delta Integrale 16v); 1991 Giordano - Sega (Peugeot 205 Gti); 1992 Ferrara - Mossino (Lancia Delta Integrale); 1993 Rosina - Paglia (Lancia Delta HF); 1994 Benazzo - Bocca (Ford Escort Cosworth); 1995 Villa - Barchi (Lancia Delta HF); 1996 Borsa - Berra (Ford Escort Cosworth); 1997 Fuggetta - Cuneo (Renault Clio Williams); 1998 Zambetta - Cadore (Ford Escort Cosworth).


Il programma - La gara entrerà nel vivo sabato 1 novembre, con le verifiche sportive e la consegna del road book in Piazza Rapisardi, nel cuore di Pegli, presso il Bar Franca dalle 9.30 alle 13.30. Le verifiche tecniche invece avranno luogo dalle 9.30 alle 14 presso la Fascia di Rispetto di Prà, la stessa location scelta per il parco assistenza della domenica. Gli equipaggi potranno poi effettuare le ricognizioni del percorso, nel rispetto del codice della strada e con vetture di serie, dalle 12 alle 19. La pubblicazione dell’elenco dei partenti ufficiale, prevista per le ore 16, chiuderà la prima giornata a Pegli.


Il percorso - Il maltempo purtroppo non ha risparmiato una delle due prove speciali designate per l’edizione 2014 del rally Valli Genovesi. La strada interessata è quella della PS “Campoligure”, uno dei paesi della Valle Stura più colpiti dall’alluvione: i gravi danni alla sede stradale non permettono un ripristino in tempi brevi e gli organizzatori sono stati costretti ad un repentino cambio di percorso, solo di un piccolo cambiamento che accorcerà leggermente i tempi di trasferimento ed avvicinerà le due prove speciali, da percorrere quasi in successione. La nuova prova speciale sarà allestita sul tratto di strada che precede la PS “Giutte”, in un primo tempo impegnata solo da un trasferimento. Il settore cronometrato, che sarà affrontato per primo dai concorrenti, sarà denominato “Acquasanta”, località dalla quale transiteranno le auto poco prima dello start, posto poco oltre il borgo termale di Genova: 3,9 chilometri, seguiti da un brevissimo trasferimento che immetterà sulla PS “Giutte”, con traguardo in prossimità del Passo del Turchino.


Dopo le due prove speciali gli equipaggi, per far rientro al riordino ed al parco assistenza, utilizzeranno in trasferimento l’autostrada A26 Voltri - Gravellona Toce in direzione Sud, da Masone a Genova Pegli, evitando così il traffico cittadino. Restano invariati tutti gli altri aspetti logistici del Rally, che ruoterà intorno a Pegli, con partenza ed arrivo sullo splendido lungomare. Il parco assistenza sarà allestito nei grandi spazi della fascia di rispetto di Prà, mentre il riordino troverà spazio in Piazza Rapisardi, nel cuore della delegazione del ponente genovese. Piccola variazione invece sull’orario, che vedrà la partenza spostata alle 9.30 di domenica 2 novembre, mentre l’arrivo è confermato per le 16.10. (17 ott./nella foto: La Peugeot 309 Gti dei genovesi Luca Fasce e Checco Parodi nell'edizione 1995)