Emozioni in notturna al rally Riviera Ligure

Prosegue a ritmo serrato la marcia di avvicinamento verso il tredicesimo Rally Riviera Ligure – Memorial Daniele Cianci, che sarà affiancato dall’ottava edizione dell’omonimo Rally Storico – memorial Mauro Albini. Per l’organizzazione è finalmente arrivato il momento di svelare il percorso della gara, che sarà articolato su quattro prove speciali da ripetersi più volte, distribuite su due giorni. Tra sabato 1 e domenica 2 marzo infatti i concorrenti affronteranno otto settori cronometrati (dieci per le vetture storiche), con già quattro prove speciali in programma nella serata del sabato. Torna dunque il fascino ineguagliabile del Rally in notturna, uno dei momenti più attesi dagli appassionati. Ecco la descrizione delle prove speciali.


P.S. “Naso di Gatto”, 9,8 Km: La prova sarà percorsa al contrario rispetto agli anni precedenti, con partenza dal controllo stop della prova denominata “Altare”. La prova è stata utilizzata in passato dal Rally di Sanremo – Rally dei Fiori.

P.S. “Madonna del monte” – 7,2 Km: Prova classica del Riviera Ligure, immancabile come il Turini per il Montecarlo. Un toboga difficile ed impegnativo, che quest'anno sarà effettuata in notturna.

P.S. “Scravaion” – 11,8 Km:Prova Speciale mitica, utilizzata sia dal “Sanremo” Mondiale, che dai vari rally locali come Valli del Bormida, recentemente, e Monti Savonesi, in passato. La bellezza di questa strada ha attirato l’attenzione della Riviera Rally 2.0, che è felice di poterla riproporre.

P.S. “Melogno” – 7,4 Km: Altra prova, o meglio parte di prova, usata sia dal “Sanremo” che da tutti gli organizzatori della zona. Il settore parte dal quadrivio del Melogno in direzione Bormida - Osiglia. (16 feb.)