Piogge e frane non fermano la 1^ Ronde della Val Merula

Ridisegnato il percorso, scelta una nuova prova speciale

Le piogge straordinarie che nell’ultimo fine settimana hanno flagellato l’intera Liguria non hanno risparmiato neppure la 1^ Ronde della Val Merula. A seguito delle innumerevoli frane verificatesi sul territorio del ponente ligure, anche gli uomini della Sport Infinity, organizzatori della gara prevista l'8 e 9 febbraio prossimi, sono stati costretti ad una repentina variazione di percorso ed ad inventarsi una nuova prova speciale. "Nel giro di ventiquattro ore - sottolineano i componenti del Comitato organizzatore della manifestazione - abbiamo praticamente ridisegnato la manifestazione, evitando di doverla rinviare a data da destinarsi per via degli innumerevoli cedimenti stradali che hanno interessato sia l'itinerario che il tratto designato quale prova speciale".


E' confermato, pertanto, lo svolgimento della 1^ Ronde della Val Merula. Su un percorso tutto nuovo, che gli organizzatori ufficializzeranno nelle prossime ore, e con una nuova prova speciale, il tratto stradale da Caso a Villalunga che andrà a sostituire la "Ginestro" (da Vellego a Testico) originariamente scelta dagli organizzatori quale teatro della sfida. "Gli enti locali interessati e le autorità preposte - sottolineano ancora alla Sport Infinity - hanno già dato il loro assenso alla modifica di percorso: manca ancora l'ufficialità da parte del Ministero dei Trasporti, che però si è riservato di esaminare la variazione in tempi strettissimi. La nuova speciale ricalca quella della Ronde di Albenga del 2007: un tratto di strada impegnativo che allora raccolse i consensi di tutti i partecipanti e che farà divertire i nostri concorrenti".


La 1^ Ronde della Val Merula, dunque, si farà. Con la soddisfazione della cittadina di Andora, in questi giorni al centro dell'attenzione nazionale per i tragici eventi conseguenti alle straordinarie piogge, degli organizzatori e degli innumerevoli appassionati praticanti che, nei giorni scorsi, non hanno mancato di contattare l'organizzazione per sapere se la gara si sarebbe svolta. Ora che i dubbi sono fugati, possono tranquillamente inviare la loro adesione: c'è tempo sino al 3 febbraio prossimo. (21 gen.)