2° Rally Colli di Luni ai genovesi Mezzogori - Baldini

L'equipaggio genovese Mezzogori - Baldini su Renault Clio R3 si è aggiudicato la seconda edizione del rally Colli di Luni, imponendosi in 2  delle 6 prove speciali disputate. Seconda piazza per il duo Gaddini - Innocenti in gara per il New Spirit Team con una vettura gemella dei vincitori. Sul terzo gradino del podio il sorprendente equipaggio Lupi - Giorgio portacolori della scuderia organizzatrice, Balestrero, che con una piccola Peugeot 106 A6 ha guadagnato la medaglia di bronzo regolando di stretta misura i compagni di squadra Bancalari - Spinetta.


I coniugi genovesi Andrea Mezzogori  e Roberta Baldini, con la loro bella Clio R3C seguita dalla Start Rally AutoSport (nella foto, by PhotoBriano), hanno iscritto il proprio nome in questo giovane rally giunto alla sua seconda edizione dopo essere stati sempre nelle prime posizioni fin dalle prime prove. Alle spalle del duo vincitore un deciso Gaddini che con Innocenti utilizzava la usuale Renault Clio R3 che si è ben adeguato al fondo viscido della gara. Sorprendente la terza piazza del duo locale Lupi - Giorgio che ha addirittura disputato il primo giro con una gomma da asciutto all'avantreno per il bloccaggio del cerchio nel tentativo di cambiare la gomma. Appena 5/10 hanno diviso il sempre veloce Bancalari, navigato da Spinetta, dalla zona podio e il pilota locale si è così dovuto accontentare della quarta piazza assoluta. Quinta posizione per gli imperiesi Condrò - Lamura con la sempre efficiente Peugeot 205 Gti (Racing for Genova) che ha preceduto Padaon -Balzan (Renault Clio Williams). I lucchesi Barsotti - Berni si sono aggiudicati il gruppo N giungendo settimi assoluti con la Renault Clio RS.


Bella prova di Grassano - Ammendola su Honda Civic Type R (Racing for Genova) che hanno realizzato il miglior tempo sull'ultima PS: purtroppo la loro gara è stata condizionata da una foratura alla ruota posteriore sinistra dopo 1,5 km della prima prova che li ha pesantemente arretrati nella classifica generale per recuperare prova dopo prova fino all’ottava piazza finale. Chiudono la top ten Raspini - Corniglia (Clio RS) e Ferrando - Botzari (Clio R3 - Racing for Genova). L'asfalto bagnato e viscido, soprattutto sul primo passaggio delle due prove speciali da ripetersi tre volte ciascuna, ha caratterizzato e condizionato la condotta di gara di molti equipaggi: tutti concordi nel dichiarare che le macchine scivolavano soprattutto sulla prima prova dove si transitava in un sottobosco insidioso; la seconda, invece, preferita ai molti, era caratterizzata da asfalto un po' consumato che dava maggiore grip.


Non sono mancati i colpi di scena come il ritiro del mattatore della prima parte di gara, l'equipaggio Arzá - Tricoli che, su Clio super 1600, ha dominato le prime due ps, un problema ad una valvola li ha costretti a finire gli ultimi 1500 metri della seconda prova con la vettura che andava a "tre cilindri" fino al ritiro definitivo in parco assistenza. Atteso il rientrante Lenci con la Peugeot 306 che è uscito di strada sulla terza prova (senza alcuna conseguenza per l’equipaggio) ma ha costretto gli equipaggi successivo ad uno stop di mezz'ora al fine di cercare di rimuovere i detriti lasciati dalla macchina.. Stessa situazione si è verificata sul quinto tratto cronometrato quando l'equipaggio Padeletti - Baldi ha a sua volta cappottato lasciando la vettura in situazione critica e creando non poche difficoltà per i piloti che seguivano.


Dei cinquantuno equipaggi partiti solo quarantaquattro hanno tagliato il traguardo di Santo Stefano Magra. Da ricordare anche il fine benefico associato alla manifestazione, con la presenza di uno stand per la raccolta fondi da destinare alla ricerca grazie a Telethon. Classifica finale: 1. Mezzogori - Baldini (Renault Clio R3) in 31’19”2; 2. Gaddini - Innocenti (Renault Clio R3) a 12”6; 3. Lupi - Giorgio (Peugeot 106 Rallye) a 22”8; 4. Bancalari - Spinetta (Renault Clio Williams) a 23”3; 5. Condrò - Lamura (Peugeot 205 Gti) a 34”1. (8 dic.)