"Lanterna" giro di boa della Michelin Rally Cup

E siamo arrivati a metà stagione. Con il Rally della Lanterna la Michelin Rally Cup 2015 termina il primo girone e comincia a fare i conti. Saranno 24 i concorrenti che hanno aderito all'appuntamento ligure della Coppa indetta dal Costruttore francese di pneumatici e che si presenteranno domani, venerdì 5 giugno, alla Fiera di Genova per le verifiche della gara.


Il valdostano Elwis Chentre (nella foto) è alla ricerca del primo successo assoluto stagionale, che rappresenta il più importante, ma non il solo obiettivo del pilota della Ford Focus WRC. Chentre finora ha ottenuto il bottino pieno nella Michelin Rally Cup. Sicuramente il driver di Roisan (AO) correrà con un occhio attento al challenge riservato agli equipaggi dell’Omino Michelin: un suo successo non gli porterebbe nuovi punti (avendo già ottenuto il massimo bottino nelle due precedenti gare), ma impedirebbe agli avversari di avvicinarsi in classifica assoluta e di categoria. A contendergli la vittoria saranno principalmente il velocissimo Marco Signor, Ford Focus WRC, e Manuel Sossella, Ford Fiesta WRC. Il trevigiano Signor era stato il più serio antagonista di Chentre al Mille Miglia, mentre al Salento, dopo l'exploit della prova spettacolo del venerdì sera, si è dovuto ritirare per un principio d'incendio. Il vicentino Sossella, assente al Mille Miglia, è stato positivo al Salento, dove ha concluso alle spalle di Chentre, compiendo l'intero percorso di apprendistato con gli pneumatici Michelin che usava per la prima volta. Due ritiri in stagione pesano sulla classifica di Paolo Porro, che vuole dimostrare di essere anche lui in lizza per il successo, se solo la sua Ford Focus WRC lo assiste.


In Classe S2000 avremo il solo Roberto Vellani, Peugeot 207, già a punteggio pieno nella propria categoria della Michelin Rally Cup, ma in piena lotta con Roberto Vescovi, Clio R3C, per il secondo gradino del podio della classifica assoluta della Michelin Rally Cup. Sicuramente fra i due saranno scintille in una sfida che porterà sia Vellani, sia Vescovi a scalare le zone nobili della classifica assoluta del rally, a tutto beneficio dello spettacolo. Solitaria presenza in S1600 per il biellese Massimo Lombardi, che, con un buon risultato, ha la possibilità di avvicinare nella classifica di categoria l'assente Antonio Forato, mattatore delle prime due gare, e compiere un bel balzo in avanti anche nella classifica assoluta. In Classe R3C/T sarà al via anche il vincitore del Trofeo Citroën DS3 della scorsa stagione, Alex Vittalini, protagonista della sua classe al Mille Miglia, oltre al giovane alessandrino Manuel Lugano, che avrà come pietra di paragone il “maestro” Roberto Vescovi: un confronto sicuramente propedeutico per il pilota della Clio R3C. Da segnalare in questa categoria i due ritorni di Alessandro Marchetti e Daniele Marcoccia, entrambi su Clio R3C, alla loro seconda presenza stagionale nella Michelin Rally Cup. Ingresso nella serie per il piemontese Luca Roggero, grande specialista dei rally sterrati, che porta in gara la Mitsubishi Lancer EVO IX di Classe N4.


Si fa sul serio in Classe R2B, in cui l'assenza dei protagonisti delle prime due gare, Luca Fiorenti e Frank Montagna, darà spazio alle ambizioni di Graziano Nember (Citroën C2), Lorenzo Grani (Peugeot 208 R2B) e Marco Oldani (Peugeot 208 R2B), che hanno assolutamente bisogno di punti pesanti per rimettersi in gioco nella seconda parte della stagione della Michelin Rally Cup. In questa categoria saranno di scena anche Nicola Novaglio, con la meno performante (sulla carta) Mini Cooper S Racing Start, che, usando la strategia della formichina, potrebbe raccogliere punti sufficienti a farlo diventare uno dei protagonisti della categoria, e Nicola Bennati (Peugeot 106 Rallye A6), che finora ha raccolto solo il bonus presenza al Mille Miglia.


Confronto serrato nella categoria che pone di fronte la Peugeot 106 Rallye N2 di Moreno Cambiaghi (secondo di categoria al Mille Miglia), le Suzuki Swift di Classe N2 di Michele Modugno e del giovane Michele Cagni, con le Swift di Classe R1B di Marco Cappello, Corrado Peloso, Gianluca Saresera e Nicola Angilletta. Un confronto impari sulla carta, ma che i quattro piloti della Swift R1B, sicuramente meno performante, hanno dimostrato di saper volgere a loro favore con il successo di categoria di Marco Cappello al Salento, la buona prestazione del Mille Miglia e con le ottime performance in terra pugliese del valdostano Peloso e del giovane bresciano Saresera. (4 giu.)