Tre prove speciali “doc” per il rally delle Valli Imperiesi

Proseguono, presso la sede della Scuderia Imperia Corse, gli arrivi delle iscrizioni alla quarantunesima edizione del Rally delle Valli Imperiesi, in programma il 24 giugno prossimo: si potranno inviare entro le ore 18,00 di lunedì 18 giugno prossimi. Intanto è tutto pronto a Taggia, location dell’intera manifestazione, come pure il percorso di gara definito. Infatti saranno tre i tratti di strada chiusi al traffico denominati “Prove Speciali” dove i concorrenti si impegneranno il massimo per ottenere il miglior riscontro cronometrico. Si tratta di: “Teglia”, è la prima prova speciale lunga 7,49 Km ed i tre passaggi sono previsti per la prima vettura in gara alle ore 9,08 (PS1), il secondo alle ore 12,44 (PS4) ed il terzo alle 16,20 (PS7); “Rezzo” la più lunga delle tre prove con i suoi 10,41 Km prevede i passaggi alle ore 9,30 (PS2), alle 13,06 (PS5) e 16,42 (PS8); “Colle d’Oggia” di 7 chilometri sarà la PS3 (ore 10,24), PS6 (ore 14,00) ed infine l’ultima speciale della gara la PS 9 alle ore 17,36. Sono previsti due riordinamenti in Taggia alle ore 11,08 al termine delle prime tre ps ed alle ore 14,44 al termine della seconda trance di prove. Dopo i 20 minuti di riordino seguiranno i rispettivi parchi di assistenza della durata di 30 minuti ciascuno. Il percorso totale prevede quindi 301,90 Km di cui 74,70 di prove cronometrate e 227,20 di trasferimento. Il Rally delle Valli Imperiesi alla sua quarantunesima edizione, oltre a vantare la validità per il Challenge di Seconda e Terza Zona, sarà valido anche per i trofei monomarca Renault Clio R3, Twingo R2, Corri con Clio N3, Challenge RS 2WD ed il “Sei100 Cup” oltre che per il “5° Memorial Beppe Simula” che andrà al navigatore più giovane classificato e per la “2^ Coppa Walter Gallo” al navigatore più anziano classificato. La scorsa edizione della gara ha visto Pisi (nella foto, intervistato da Agostino Orsino) precedere Ameglio e Calleri fra le vetture moderne mentre Gregorio ha regolato Enrico Canetti ed Ugo Canetti tra le storiche. (7 mag.)