Grandi battaglie sulle strade della Targa Florio

Record assoluti di iscritti per la centesima edizione della Targa Florio, un evento organizzato dall’Automobile Club di Palermo in collaborazione con l’Automobile Club d’Italia. Una manifestazione particolarmente complessa che al suo interno mette in scena una serie di importanti appuntamenti agonistici per vetture moderne e storiche. I numeri da record riguardano proprio i partecipanti alle varie gare. Sono infatti 500 le auto iscritte tra storiche e moderne, considerando anche le splendide 138 auto della Targa Florio Classica e Ferrari Tribute, e le 61 vetture dello Historic Speed che si uniranno per celebrare questa Centesima Edizione. Tra gli iscritti ben 282 saranno in gara settore rally dove ovviamente spiccano i partecipanti alla corsa per il tricolore rally.


Uno degli eventi principali è la battaglia sportiva tra le moderne impegnate nel terzo round del Campionato Italiano Rally. La corsa in Sicilia si prospetta particolarmente incerte ed interessante. In gara ci saranno infatti i protagonisti del tricolore Assoluto, dello Junior, del Costruttori, del 2 Ruote Motrici e del Campionato Italiano R1. Ad arricchire ulteriormente il tutto ci saranno come sempre i trofei monomarca Michelin R2 Rally Cup, Renault Clio R3T Top, e il Suzuki Rallye Trophy.

 

Start della gara previsto per domani venerdì 6 maggio alle 20.00 con la suggestiva partenza da piazza Massimo a Palermo e alle 22.54 la prima breve prova cittadina di Collesano di 1,84 km. Sabato 7 maggio prosegue Gara 1 con partenza da Campofelice di Roccella alle ore 09.00 e rientro sempre a Campofelice alle 20.45, dopo aver disputato 7 prove per un totale di 77,2 km scanditi dal cronometro. Per la giornata seguente, Domenica 8 maggio, le sfide ripartiranno con le altre 6 prove speciali di Gara 2 partendo da Campofelice di Roccella alle 06.00 e con rientro per i festeggiamenti finali nella piazza del Duomo di Cefalù alle 14.30 dopo percorso altri 77,2 km cronometrati. La 100th Targa Florio è formata da 485,27 km di gara di 154,40 di prove speciali.


Cir Auto Storiche: i big a caccia del genovese Maurizio Rossi


Il terzo round della serie Tricolore per Auto Storiche è uno dei quattro eventi promossi da ACI Palermo e Aci Sport per il centenario della Grande Corsa sulle Madonie. Novantacinque gli iscritti. I pezzi da novanta della serie Tricolore ci sono quasi tutti e ci si può attendere una sfida altamente spettacolare: il vicentino "Lucky", secondo del Trofeo Nazionale Piloti e primo del 4. Raggruppamento in coabitazione con "Pedro" ed entrambi con la Lancia Delta Integrale 16V; il francese, ma ormai biellese d'adozione Erik Comas, l'ex pilota di Formula 1 e campione in carica del 3. Raggruppamento alla guida della competitiva Lancia Stratos Hf, quest'anno passata alla configurazione 2. Raggruppamento e griffata Island Motorsport; il campione italiano ed europeo Lucio Da Zanche, pilota valtellinese sempre competitivo al volante della Porsche 911 Rsr Piacenza Corse in corsa anche per l'affermazione nel 2. Raggruppamento, nel quale oltre a scontrasi con Comas, dovrà vedersela con il giovane ma già campione italiano assoluto della specialità, il bresciano Nicholas Montini, in gara con la Porsche 911 Rsr Piacenza Corse; da annoverare tra i favoriti dell'Historic Rally anche Marco Savioli già campione italiano assoluto e sempre protagonista al volante della Porsche 911 e in questa occasione a bordo di una versione Gruppo B, targata Scuderia Pegaso Palermo.


Tutti i big, però, dovranno fare i conti con il leader della classifica assoluta del Trofeo Nazionale e di Raggruppamento, il genovese Maurizio Rossi, in gara con la Porsche 911 Sc gruppo 4 (nella foto) della Balletti Motosport ed in coppia con l'astigiano Riccardo Imerito. La coppia ligure - piemontese, dopo due gare (Vallate Aretine e Sanremo) guida la graduatoria assoluta del Trofeo Nazionale Conduttori con 39 punti, con tre lunghezze di vantaggio su “Lucky” - Pons e “Pedro” - Baldaccini 36 e 4 su Canzian; con lo stesso punteggio Rossi guida anche il Raggruppamento: in questo caso con un margine di 10 punti su Rimoldi e 18 su Ambrosoli. (5 mag.)