I.P.S.I.A. “Castigliano” ed i rally: una storia infinita

   Il rapporto tra l’Istituto Professionale “A. Castigliano” di Asti ed il mondo dei rally ha radici molto profonde. In pratica il tutto prende il via nella seconda parte degli anni ottanta quando giunge al Castigliano, in veste di docente di meccanica, il professor Gianluca Boffa, grande appassionato di motori e, già allora, valente pilota di rally. In poco tempo, il suo entusiasmo e la sua competenza convincono i colleghi, Paolo Guasco e Nino Scapparino, a disputare una gara (Il rally dei Vini del 1990) utilizzando, come assistenza, gli allievi del corso per Meccanici motoristi del tempo. L’esperienza si dimostra estremamente positiva e coinvolgente, tanto da convincere le autorità scolastiche a consentire, agli allievi, di proseguire questa esperienza negli anni successivi, presso vari preparatori (un particolare ringraziamento va alla Vieffe Corse) nelle gare che si svolgevano nel territorio astigiano.

   Questa esperienza, perdura, con alti e bassi per parecchi anni, poi, come spesso accade, sembra che tutto si esaurisca, ma, nel 2008, grazie ad una nuova forte spinta del nucleo storico del Castigliano (Boffa, Guasco, Scapparino e Armando Di Fede), viene presentato un nuovo progetto scolastico che prevede la ripresa delle attività extrascolastiche di assistenza presso alcuni team. Il tutto prende il via nel mese di febbraio al Rally di Canelli e prosegue con un forte impulso ad agosto con il Rally del Tartufo ad Asti, dove, grazie all’interesse di Marco Rondi, organizzatore della manifestazione, una delle vetture apripista viene  affidata, grazie alla collaborazione di Mario Viotti, all’equipaggio Guasco-Scapparino, aventi come assistenza un agguerrito numero di allievi dei corsi per meccanici motoristi.

   Il volano è partito ed in occasione del rally di Inverno a Moncalvo , in accordo con Marco Rondi e la Motorsport di Moncalvo, la presentazione della manifestazione avviene proprio presso l’I.P.S.I.A. “A. Castigliano”. Inoltre, alla scuola, vengono assegnate anche tre vetture apripista (le Ford Fiesta fornite dalla concessionaria Perosino di Asti) pilotate da Pino Abbate, Paolo Guasco e Nino Scapparino, con alle note alcuni studenti, debitamente formati da due professori di eccezione: Gianluca Boffa (che questa volta non da voti) e Max Barrera; anche in quest’occasione le vetture avevano in assistenza il resto degli allievi del corso guidati per l’occasione da Armando Di Fede ed Enrico Ghirotto. L’esperienza si ripete nel 2009 in occasione della Ronde di Canelli, del Rally del Tartufo ed a Moncalvo, dove, gli studenti, oltre che essere nelle vesti di apripista (questa volta navigando le vetture con alla guida Guasco, Scapparino e Ghirotto) e di assistenza ai medesimi, vengono anche  ospitati da Team di primo livello nelle proprie assistenze.

   Nasce, così, la grande sfida: si decide di presentare un progetto didattico che prevede la costruzione di una vettura da rally, grazie alla collaborazione di Massimo Gianuzzi (ex allievo, pilota di rally e preparatore) viene acquistata una Peugeot 106 Xsi stradale. La vettura viene completamente smontata dagli allievi del corsi B e C del Castigliano e, grazie alla supervisione ed alle competenze dei tecnici di laboratorio Angelo La Rocca e Angelo Rivella vengono apportate tutte le modifiche (rollbar, sospensioni, sedili ed equipaggiamento di sicurezza, etc..) per trasformarla in una auto da competizione. Grazie ad un immenso impegno da parte di tutti, dirigenza, docenti, tecnici di laboratorio, allievi ed istituzioni scolastiche, la vettura viene completata per debuttare al Rally dei Colli del Monferrato a Canelli, non prima di essere stata presentata alla festa dei motori, svoltasi presso l’I.P.S.I.A. “A. Castigliano” il 26 di febbraio 2010. In questa occasione, al “Castigliano“ arrivano le telecamere di Rai Tre che filmano l’evento e lo trasmettono durante il telegiornale dello scorso 6 marzo. Quando ormai la tensione è a mille per il debutto, e gli allievi coinvolti nell’assistenza sono in fibrillazione, comincia a scendere la neve che costringe gli organizzatori ad annullare la manifestazione ed alla neonato Castigliano Rally Team di rinviare il proprio debutto e la realizzazione di un sogno inseguito per tanti anni. Per fortuna il tutto è solo rinviato alla Ronde del Canavese, dove l’equipaggio composto da Vincenzo Torchio (altro ex allievo) e Marco Piteo (indispensabile diffusore di notizie sul web) portano la vettura al terzo posto di classe FN1 e testano l’efficacia del mezzo e degli eccitatissimi ragazzi dell’assistenza; il 2010 prosegue con altre due partecipazioni, che consegnano delle entusiasmanti  vittorie di classe FN1, in occasione del Rally del Tartufo con alla guida Massimo Rosso (valente pilota di fuoristrada ed altro ex allievo) ed Antonella Gatto ed alla Ronde delle Colline con Massimo Rosso e Marco Piteo. A questo punto la soddisfazione di tutte le persone coinvolte in questo progetto è altissima, infatti, non solo si è ottenuto il risultato prefissato, cioè, quello di inserire gli allievi in una ambiente altamente professionale, e dar loro la possibilità di dimostrare ciò che hanno appreso, tra i banchi ed i laboratori dell ’I.P.S.I.A. “A. Castigliano”, ma anche di vedere, immediatamente, come l’impegno profuso viene ripagato da grandi ed a volte sorprendenti risultati. (17 dic.)