Rally Appennino Reggiano: la "stella" è la Mini Wrc della Grifone

59 equipaggi al via, 7 i piloti con le potenti Wrc, 3 i trofei monomarca (Abarth, Peugeot, Suzuki), 21 i piloti reggiani in gara nelle varie categorie e in lotta per la conquista di una gara gratis, al volante di una Peugeot 207 R3T che andrà ad uno di loro. Questi i numeri principali del 35. Rally Appennino Reggiano gara organizzata dall’Aciservicereggio valida come seconda prova del girone B del Trofeo Rally Asfalto. La corsa che avrà in Castelnovo Monti e Carpineti, i due punti di riferimento, vivrà domani , venerdì 24 giugno, la sua prima intensa giornata. Domani dalle ore 10.00 alle ore 15.00 in località La Piazza si svolgerà lo shakedown, test con le vetture da gara. Sempre domani alle 18.31 scatterà la gara da Castelnovo Monti, località dove la corsa terminerà alle ore 18.30 di sabato 25. La sera di venerdì 24 giugno le vetture, dopo aver disputato la P.S.1, entreranno in Riordinamento a Carpineti dove si terrà la tradizionale festa di benvenuto agli equipaggi in gara. Da Carpineti la gara ripartirà sabato mattina per la disputa delle rimanenti prove speciali. La gara prevede 9 prove speciali: 3 da ripetersi tre volte per un totale di 124,4 km su un percorso complessivo di 329,4 km. Molti i protagonisti attesi e tra questi su tutti Rudy Michelini che porterà per la prima volta sulle strade dell’Appennino Reggiano la Citroen C4WRC regina indiscussa degli ultimi anni del rallismo mondiale. Al pilota toscano toccherà il duplice difficile compito di domare i tanti cavalli del “mostro” francese e di essere il favorito d’obbligo della gara contro una concorrenza di assoluto valore sia dal punto di vista dei piloti che delle vetture. Tra quest’ultime un altro grande motivo di interesse per tutti coloro che seguiranno la corsa. Il comasco Corrado Fontana porterà infatti in gara l’attesissima Mini John Cooper Works, il solo modello di Wrc di nuova generazione attualmente in gara al di fuori del mondiale rally.  Ma per la vittoria saranno in molti a lottare. Con il numero due in corsa ci sarà ad esempio  il toscano Tobia Cavallini con la Subaru Wrc e poi Antonio Rusce, Ford Focus Wrc – terzo lo scorso anno – e il pavese Matteo Musti, Citroen Xsara Wrc, già più volte vicino alla vittoria in questa gara.

Da seguire poi le altre Wrc di Gigi Fontana, Peugeot 207 Wrc, e Lucio Petrocco, Subaru Impreza Wrc,  ed il gruppetto delle S2000 impegnate anche nel giocarsi il titolo di categoria del Tra con il veneto Efrem Bianco, Roberto Vellani (che essendo reggiano punta sfruttare l’occasione) ed il siciliano Giuseppe Patti alle prese con l’altro reggiano Marco Bernardelli e con il piacentino Mauro Tiramani. Lotta serrata garantita, insieme ad un posto nella Top 10 assoluta, per gli scatenati con le Clio S1600: Davide Medici, Pietro Penserini ed Enrico Costi faranno gli onori di casa. Così come Marco Belli su Mitsubishi Evo X in Gruppo N. Nei tre trofei se possibile incertezza ancora maggiore. Fra le 500 Abarth i giovani addirittura imperano: ad iniziare da Michele Tassone che sinora ha vinto due gare su tre, ma per un ritiro si trova alle spalle dello svizzero David Finger. Nel Peugeot Competition 207 a Reggio si assegna il titolo di girone con in lizza Claudio Mattana, Mirko Strambi e Omar Bouvier: per tutti obbligo di vittoria per mettere le mani sul ricco premio di girone e su punti che potrebbero risultare decisivi nell’assegnazione del massimo titolo della serie. Fra le Suzuki Swift sarà Claudio Gubertini, vincitore al Marca e qui quasi di casa (è modenese) l’uomo da battere. (23 giu.)