La Coppa Italia dei Rally cerca a Ceccano il suo re

I migliori equipaggi dei Challenge delle 9 zone in cui è suddivisa la penisola si misureranno sugli asfalti della Ciociaria che decreteranno il vincitore nazionale. Start e traguardo nel Piazzale FF SS.

Domanisabato si correrà il 26° Rally Città di Ceccano, la gara organizzata dalla Scuderia Random Team che quest’anno sarà la finale unica di Coppa Italia, il premio che la Commissione Sportiva Automobilistica dell’Automobile Club d’Italia, assegna all’equipaggio vincitore tra i migliori dei Challenge delle nove Zone in cui è suddivisa rallisticamente la nostra penisola. Altissimo il numero di adesioni dei finalisti in arrivo da ogni parte d’Italia. Sfida di vertice per il successo in gara e di Coppa Italia tra le otto Super 2000 al via, di cui ben sei in lotta per l’affermazione tra i migliori di zona, ad iniziare dall’astigiano Luca Cantamessa, forte del successo nella prima zona, che torna dopo vari anni in Ciociaria e lo fa al volante della Peugeot 207 S2000 della National Proklama, sulla quale sarà affiancato da Lisa Bollito. Vettura gemella portacolori dell’Island Motorsport per il giovane siciliano di Cefalù Marco Runfola, secondo ex aequo in 8^ Zona, che sarà navigato da Felice Pizzuti; altra 207 del Leone per il friulano secondo in 4^ Zona, portacolori Motor in Motion e due volte vincitore della Coppa Italia, Claudio De Cecco, ancora navigato da Alberto Barigelli. Riflettori certamente puntati addosso al pilota di casa e protagonista della 7^ Zona, dove si è classificato 2°, Tonino Di Cosimo al volante della Abarth Grande Punto che il driver Drake Racing ben conosce e condivide con Paolo Francescucci. Dalla Sardegna, i vincitori della 9^ Zona, con i colori della Porto Cervo Racing Maurizio Diomedi e Mauro Turati, anche loro su Peugeot 207, come un altro equipaggio che gioca in casa formato da Francesco Bucciarelli e Riccardo Silvaggi. Non in lotta per la Coppa Italia, ma sicuramente per una posizione di vertice due piloti laziali Mario Sulpizio e Gianni D’Avelli, entrambi su Abarth Grande Punto. Serrata la lotta per il successo tra le vetture di gruppo N 4x4, con il pilota romano Massimiliano Rendina che duellerà tra gli altri con il siciliano Giuseppe Territo in arrivo dalla 8^ Zona, entrambi al volante delle Mitsubishi EVO X. Duello in Super 1600 tra le Renault Clio dei messinesi della Sunbeam Motrsport Salvatore e Claudia Armaleo, papà e figlia, contro i locali della Blak Devils Racing Team Marco Oddi e Mario Papa. Sempre tra le due ruote motrici ma nel combattuto gruppo R a sfidarsi per la Coppa Italia saranno il genovese Davide Storace, presidente della SCR MotorSport,  secondo nella classifica di  2^ e 3^ Zona ed il siciliano Giuseppe Caruso,tutti e due sulle Renault New Clio R3. In diversi ambiscono alla Coppa di gruppo A, nella classe maggiore la A7, per le cilindrate fino a 2000 cc. di sicuro il duello sarà tra il siciliano Nazareno Pellitteri (8^ Zona) ed il pugliese Rodolfo Lucrezio (7^ Zona), ma il veneto Eros Finotti, il toscano Alberto Nocentini ed il pilota di casa Mauro Pizzuti, tutti sulle Citroen Saxo, cercheranno certamente un posto da primi attori. Nella sempre combattuta classe N3 caccia al successo di categoria per le Renault Clio RS del siciliano Giuseppe Frattalemi, che avrà tra i maggiori avversari il laziale Mauro Roma.

SCR MotorSport – Nell’appuntamento finale del Trofeo Coppa Italia di Zona la scuderia genovese schiererà l'equipaggio Storace - Celestini (Renault New Clio R3C) al via della competizione che decreterà il vincitore assoluto di tutte le zone della coppa Italia. "Partiamo determinati - afferma il Presidente - lo stimolo più grande, in questa competizione, è quello di vedere il "pubblico d'altri tempi", come mi e' stato detto da tutti i "colleghi" che hanno già disputato questa bellissima gara. Un risultato, comunque, non guasterebbe e speriamo di portarlo a casa ma, come al solito, la nostra priorità è quella di divertirci e di fare una gara in linea con le nostre capacità".

Balbosca - Una Peugeot 207 sarà a Ceccano per la finale unica di Coppa Italia con Luca Cantamessa e Lisa Bollito che hanno primeggiato nella Zona 1. Al Rally di Ceccano, Cantamessa parte tra i favoriti anche se la concorrenza sarà molto qualificata. Cantamessa si è guadagnato questa finale grazie soprattutto al successo ottenuto con questa macchina al Rally del Tartufo. Con la sua grande esperienza e con questa vettura vincente non dovrebbe avere problemi a portare a casa il risultato su di un percorso molto tecnico.

New Turbomark - La scuderia New Turbomark riprende le sue attività sportive, dopo il successo ottenuto come organizzatrice, del Rally di Taormina e la vittoria assoluta con Marco Signor alla Ronde di Albenga. Due gli alfieri New Turbomark alla finale unica della Coppa Italia 2011: Pino Territo su Evo IX, fresco vincitore del Campionato Siciliano Gruppo N, dovrà lottare contro tanti agguerriti contendenti; continua la marcia di apprendistato di Marco Signor su Skoda Fabia, in coppia con Giulio Turatti in Super 2000. (10 nov.)