Italo Ferrara, 72 anni, albese “doc”, al Rally delle Langhe e del Roero

L’occasione per Italo Ferrara (il “signore dei rally”) era troppo ghiotta: nella sua città natale, Alba, si corre nel week end il Rally delle Langhe e del Roero e lui, albese, doc, non poteva mancare visto che c’è anche un “anniversario” importante da festeggiare. La città di Alba evoca in Ferrara ricordi sportivi significativi: proprio al Gallo Grinzane Cavour, sede della partenza del rally, ha trascorso il suo ultimo anno di attività sportiva come ciclista dilettante nella famosa squadra della “Cento Torri” del presidente Franco Barberis sfiorando il passaggio al professionismo insieme a compagni di squadra come Rossello e Vaschetto e conquistando bellissime vittorie come l’ultima, a Dronero, nel 1963. L’incontro coi rally avviene, per Italo, ad un’età nella quale mediamente gli agonisti meditano il ritiro e ci sono sempre Alba e l’albese come denominatore comune: il primo approccio, infatti, è in uno slalom a La Morra così come la prima vittoria di gruppo A avviene proprio nella sua città con una Opel Kadett (1985). Il coronamento dei primi 10 anni di attività agonistica è del 1993 con la conquista del titolo italiano di gruppo N al volante di una Ford Escort Cosworth: tra le vittorie da ricordare la prima assoluta di una Peugeot 309 in configurazione gruppo A in un rally di Coppa Italia (Vesime 1991); prima il Trofeo Peugeot nel 1987 in un campionato con circa 500 iscritti in tutta Italia che apriva le porte alla squadra ufficiale. Sei partecipazioni al Sanremo, altrettante al Monte Carlo con 5 arrivi tra i primi 25 dell’assoluta ed il 1000 Laghi del 2000 rappresentano le puntate iridate nel mondiale nella lunga carriera di Italo Ferrara al quale va il merito, a livello organizzativo, di aver rivitalizzato il rally Coppa d’Oro e di averlo gestito con un gruppo di appassionati per oltre un decennio (dal 1994 al 2005).

Ora l’attività agonistica di Italo si è un po’ diradata (corre 2-3 rally l’anno tutti con macchine di altissimo livello) anche se non perde mai l’occasione di rimanere a contatto di un ambiente dove la passione è tanta e, come ama sempre affermare “la cosa difficile è attaccare il casco al chiodo”. Il rally, ad Alba, sarà per Italo una “festa” con la “Fiesta”: ci sono da celebrare le sue 72 primavere con una fiammante Ford Fiesta super 2000 preparata dall’A-Style con al suo fianco il giovane astigiano Riccardo Imerito a leggere le note. Altro equipaggio in gara sarà quello formato dagli astigiani Claudio Amerio e da Claudio Pistone che puntano ad un piazzamento con la loro Peugeot 206 di classe A7.Partenza della gara sabato 14 aprile alle 17,31 da Gallo Grinzane Cavour cui seguiranno due prove speciali; il giorno successivo nuovo start alle 8,31 (con 6 ps in programma) ed arrivo nella medesima località di partenza a partire dalle 18,27. (11 apr.)