Rally del Tartufo: Cantamessa sale sull’”ottovolante”

Alla vigilia della gara sarebbero stati in tanti a scommettere su Cantamessa ma, visto l’elenco partenti con 6 Super2000 e “piedoni” di prestigio, i meno “aficionados” iniziavano a fare pronostici differenti vedendo fra i contendenti Alex Fiorio, Brega, Marasso e tanti altri, ma lui, il Cantaluka nostrano non ha certo impiegato molto a fare capire le sue intenzioni. E pensare che dopo solo due prove si trovavano lui e Fiorio appaiati in vetta alla classifica generale con uno scratch a testa vinto con lo stesso distacco. Da quella successiva in poi si è iniziato a fare sul serio e Alex Fiorio commette un paio di errori e per lui la gara resta segnata. Cantamessa - Bollito vincono sei delle otto prove speciali chiudendo con un tempo totale di 48’54”4 e l’importante distacco di 47”8 su Alex Fiorio la dice lunga. Cantamessa porta così ad otto i successi conseguiti nella gara astigiana, avendola vinta negli anni 2001, 2002, 2004, 2005, 2006, 2010, 2011 e 2012.  Il driver varesotto, al “Tartufo” per testare la vettura della Trico, ha comunque condotto una gara regolare alla scoperta della nerboruta berlinetta Abarth. Giovane, coraggioso ed arrembante il “Muschin” locale Alessandro Bosca assieme a Roberto Aresca chiude al terzo meritatissimo posto in un crescendo continuo. Vincitori di classe R3C con una Renault Clio preparata dalla factory di casa Balbosca chiudono con un distacco dai leader di 1’04”0 e vengono premiati dalla giuria come vincitori del “Un Aiuto in Controsterzo” per il miglior passaggio sui tornantini nella parte finale della prima prova speciale. Marasso-Canuto chiudono quarti +1’26”9 anche se per un po’ hanno provato a difendere la terza piazza. Gianfranco Vedelago partito in sordina in un crescendo costante finisce il Tartufo al quarto posto +1’47”4 nonostante abbia sofferto qualche problema con la sua Mitsubishi. Alberto Zambruno e Cristiano Giovo, a “Vesime” hanno sempre fatto bella figura, ma qui, per l’alessandrino figlio d’arte è veramente un grande successo conquistato con costanza e perseveranza; chiudono sesti a 2’28”2 davanti a Franceschi +3’18”4 con alti e bassi alternati. Tra le storiche successo di Giampaolo Icardi con Stefano Casazza (Fiat 124 Spyder) sui savonesi Carlo Vincenzi ed Alessio Marella (Fiat Giannini 500 TV - Dagda Sport).

In chiave ligure, da segnalare la buona partecipazione del Rally club Millesimo, che ha conquistato la ventinovesima, la cinquantanovesima e la sessantacinquesima posizione assoluta rispettivamente con Giribaldi Alessio - Diamanti Igino (Peugeot 106 Rally Fn2), Pettinati Marco - Giordano Elisa (Fiat Seicento Sporting A0) e Pozzi Marco - Pozzi Giuliana (Peugeot 106 Rally Fn1). Cinquantottesimo posto finale per i portacolori della scuderia Racing For Genova Giovanni Ferrando - Saccone Luca (Rover Mg 105 Zr), vincitori in solitaria della classe N1, mentre sono giunte sessantaduesime e prime tra le “dame” Lio Federica e Giuliano Serena (Fiat Seicento Sporting A0) della genovese SCR Motorsport. (30 lug.)