Addio a Silvano Chiesa, una vita per l'automobilismo sportivo

L'automobilismo ligure ha perso un altro dei suoi storici rappresentanti. Si è spento, infatti, a 82 anni, Silvano Chiesa, uno che il mondo genovese delle 4 ruote l'ha vissuto a 360 gradi: da funzionario dell'Automobile club di Genova a socio della Scuderia del Grifone, in cui entrò nei primi anni Sessanta disimpegnandosi egregiamente dapprima come navigatore e poi da pilota, essendo stato un eccellente regolarista; da giornalista a Direttore di Gara, ruolo che ha ricoperto con competenza e perizia per circa un trentennio legando il proprio nome al Rally della Lanterna e a tutte le gare genovesi e anche ad altre liguri e di province limitrofe.

 

Ragioniere di professione, Silvano Chiesa aveva riversato le caratteristiche di tale lavoro nei propri impegni agonistici, che assolveva sempre con competenza, semplicità, precisione e senza andare mai in sofferenza: da Direttore di Gara aveva sempre pronta una soluzione per ogni problema che si fosse prospettato; nell'abitacolo - sia da pilota che come "navigatore" - era sempre ben conscio dei propri limiti e di quelli della vettura che utilizzava.

 

Alla fine degli anni Ottanta si era avvicinato al mondo delle autostoriche. Aveva acquistato una Renault Dauphine Gordine 850 con cui, insieme al figlio Gianni, era stato protagonista di primo piano, oltre che vincitore assoluto, della Coppa dei Fiori, la gara europea di regolarità abbinata al Sanremo Rally Storico. In seguito, affiancò alla Dauphine una bella Alfa Romeo Giulia Ti con cui disputò molte gare cogliendo risultati di prestigio.

 

La vera passione di Silvano Chiesa, però, è stata la Scuderia del Grifone. Vi era entrato da giovane - c'è chi lo ricorda come co-pilota di Gigi Bottino, in seguito Presidente del sodalizio, nel 1964 al Rallye dei Fiori - e, dopo essere stato a lungo fattivo consigliere, era arrivato a ricoprire la carica di vice Presidente sino al 2009, anno in cui la scuderia fu messa in stand by. Con un paziente lavoro di ricerca, consultazione di archivi e documenti e di contatti con i vecchi soci durato oltre un anno, a metà dello scorso dicembre Silvano Chiesa annunciava con orgoglio e soddisfazione da neo Presidente, insieme al suo vice Sergio Delfino (con lui a dx nella foto), il ritorno sulla scena agonistica del glorioso club nel mondo delle manifestazioni federali riservate alle autostoriche. L'ultimo atto d'amore di una grande persona che ha dedicato la sua vita alla famiglia e all'automobilismo sportivo.

 

Alla moglie e ai figli Gianni, Tiziana e Silvana le nostre più sentite condoglianze. (20 dic.)