Lo slalom “Mignanego – Giovi” è già realtà

L’”università del birillo” ha riaperto i battenti. E’ già in moto da tempo, infatti, la macchina organizzativa dello slalom in salita “Mignanego – Giovi”, giunta quest’anno alla trentacinquesima edizione ed in programma, come da tradizione, lunedì 1 maggio con prologo il giorno precedente riservato alle operazioni di verifica tecnico - sportiva. Il vertice della scuderia Valpolcevera – il sodalizio organizzatore presieduto da Luca Rivera con Alessandro Balbi suo vice, Alessandro Polini direttore sportivo e Manuela Tavella segretaria – ha radunato in una simpatica riunione conviviale tutti i propri collaboratori per aggiornarli sullo stato dei lavori di allestimento della manifestazione.


“Non ci saranno grosse novità organizzative rispetto all’anno scorso – ha rilevato Alessandro Polini – faremo le verifiche domenica 30 aprile a Busalla, in piazza Colombo, dalle 16 alle 19; i “ritardatari” potranno verificare il giorno dopo al Passo dei Giovi, dalle 7,30 alle 8,30. Alle 10,30 scatterà ufficialmente la gara con la prima manche, a seguire le altre due e conclusione con premiazione finale all’arrivo intorno alle 17,30. Per nostra scelta non sarà uno slalom titolato: il pubblico potrà assistere alla gara gratuitamente, le donne partecipanti non pagheranno l’iscrizione mentre i piloti under 23 avranno uno sconto del 50 per cento”.


“Il nostro obbiettivo – ha sottolineato Alessandro Balbi – è quello di alzare leggermente l’asticella rispetto al 2016: migliorare l’apprezzato programma dello scorso anno e, possibilmente, richiamare  qualche iscritto in più rispetto ai 71 dell’edizione precedente. Sulla sua stessa lunghezza d’onda anche il Presidente Luca Rivera. “Il nostro sarà il primo slalom del Nord Ovest della stagione – ha rilevato – e ci farebbe piacere riassaporare sui “Giovi” quel calore e quella partecipazione, di pubblico e di concorrenti, che per anni hanno caratterizzato questa gara”.


Presto, per ora, parlare di protagonisti ma attorno allo slalom “Mignanego – Giovi” circolano già diverse interessanti curiosità. Alessandro Polini, ad esempio, lo correrà per la diciannovesima volta consecutiva ma il suo non sarà un record in quanto il locale Giuliano Semino vanta una serie di 20 edizioni ininterrotte. La notizia più eclatante, però, riguarda Aldo Rivera, il padre di Luca nonché fondatore, nel lontano 1981, della scuderia Valpolcevera insieme a Silvano Parodi, presente al convivio. Ebbene Aldo Rivera, che vanta un passato tra i “birilli” di assoluto prestigio e che aveva smesso di correre trent’anni fa, proprio in concomitanza con la nascita di Luca, tornerà a gareggiare ai “Giovi” con la Fiat Uno turbo solitamente utilizzata dal figlio. (6 mar./ph sx Rivera, Polini e Balbi; ph dx Aldo Rivera nel 1984)