Slalom Selva di Fasano: Roberto Malvasio chiude senza brillare

   Chiusura di stagione poco brillante per Roberto Malvasio che, alla seconda edizione dello slalom Selva di Fasano, valido per la Coppa Csai di 5^ zona, al volante della Radical RS4 Suzuki messagli a disposizione dalla Autosport Sorrento, non è andato oltre la quinta posizione assoluta finale.    Sulla prestazione del portacolori della scuderia SCR MotorSport pesa come un macigno una toccata anteriore, senza grosse conseguenze per la vettura, rimediata nel corso della prima salita per un errore di valutazione del pilota. “Ho interpretato male quel tratto di strada – ammette Roberto Malvasio – e, in special modo, la distanza tra due curve, rivelatasi fatale. Per fortuna, non ho fatto grossi danni, solo il musetto della vettura, ma è un episodio che ha pesato molto sul prosieguo della gara”. Lo slalom Selva di Fasano è piaciuto a Roberto Malvasio. “Un percorso tutto da interpretare bene – osserva – anche per un pilota esperto come me; una strada particolare, caratterizzata da una serie di tornanti molto stretti, dove non è facile fare risultato. Forse, se non avessi picchiato e con una manche in più, sarei riuscito ad andarmi a giocare il quarto posto con Luigi Sambuco, che mi ha preceduto di circa 1”, visto che nelle ultime due salite ho sempre abbassato il tempo, ma i primi tre classificati erano davvero imprendibili…”. 

   Si chiude dunque così, con una prestazione che lascia un po’ di amaro in bocca, la stagione 2011 per Roberto Malvasio. Il piazzamento conseguito è apprezzabile ma non soddisfa del tutto il nove volte campione italiano di slalom in salita, che avrebbe preferito chiudere con una performance più brillante. Sul web, all’indirizzo http://www.youtube.com/user/robertomalvasio, su un canale video personalizzato, sono visibili i filmati delle gare più importanti disputate dal 2006 ad oggi dal nove volte campione italiano di slalom in salita.    La stagione di Roberto Malvasio è stata supportata, oltre che della scuderia SCR MotorSport, da un pool di sponsor formato da Cosmet, BM Service, Poggio Assicurazioni, OMP, Raffaldi, Idea Graphic, CMR Ceramiche, Gi.Ga Composite e Artbook, e della United Business, che ha curato il management sportivo del pilota. (15 nov.)