L’analisi della svalutazione al 2014: sfida tra Italia e Germania

L’eterna sfida tra Italia e Germania si ripropone nel mondo dell’auto: l’analisi della svalutazione che avranno fra tre anni le macchine comprate oggi condotta dal mensile Quattroruote e pubblicata sul numero di maggio in edicola, vede prevalere modelli di fabbricazione italiana o tedesca. In particolare, tra le citycar sarà la Fiat 500 a mantenere il valore più alto nel 2014, con il 51% del prezzo di listino attuale; tra le medie, farà ancora meglio l’Alfa Romeo Giulietta col 51,3%. In tutte le altre categorie prese in considerazione dal mensile di Editoriale Domus però, la migliore tenuta valore sarà fatta registrare da modelli di marchi tedeschi. In particolare, l’affare migliore, da questo punto di vista, si farà con la Volkswagen Polo (52,5% di valore residuo) tra le piccole, con l’Opel Astra Sports Tourer (47,9%) tra le station wagon compatte, con le Volkswagen Passat Variant (51%) e Tiguan (52,5%) tra le station medie e le Suv medie. Tra le station wagon grandi, invece, il valore migliore sarà quello della Mercedes Classe E (49,3%) e tra le Suv Premium quello della Porsche cayenne (59,9%).  Tra i modelli soggetti a maggiore svalutazione, invece, Quattroruote indica la Daihatsu Terios (33% di valore residuo nel 2014 rispetto al prezzo di listino attuale), la Fiat Grande Punto (30,7%), le Hyundai i30 (34,8%) e i30 Compact Wagon (35%), la Saab 9-3 SportHatch (37,1%), la Ford Mondeo (37,4%), la Fiat Sedici (38,6%) e la Nissan Murano (40,8%). (26 apr.)