Cacioli (A112) primo al Tour tra Langa e Monferrato

Si è disputata la nona edizione del “Tour tra Langa e Monferrato”, gara di regolarità turistica aperta ad auto storiche immatricolate fino all’89, che ha visto al via sedici partecipanti: tredici con auto storiche e tre, fuori gara, con auto moderne. Con sole 46 penalità, in pratica 46 centesimi di secondo di imprecisione sulla tabella di marcia delle otto prove cronometrate da rispettare “al centesimo”, si impongono Luciano Cacioli di Pino Torinese ed Ezio Garelli di Mondovì su Autobianchi A 112 del 1974 appartenente al 6° raggruppamento; secondi con 54 penalità l’equipaggio di Francavilla Bisio, nel novese, formato da Ernesto Gemme e Gian Carlo Graziani su Lancia Fulvia Coupè del 1975 secondi di raggruppamento 6, mentre terzi assoluti con 182 penalità sono gli increduli savonesi Enrico Gallesi e Davide Carboni su Porsche 911 SC Targa del 1983 primi del 8° raggruppamento. A seguire Santero - Garbero Fiat 124 Spyder 1974, Bisio - Remotti Lancia Delta I. 1988, Pistone - Tardito Lancia Fulvia Coupè 1973, Borri - Belluscio Lancia Fulvia Coupè 1971, Icardi - Curcio Ford Escort 1970, Gemme - Alemanni A.R. Sprint 1977, Barbotto - Borca Fiat 124 Spyder 1972, Quaglia - Bruno A112 1978, Mo - Meschiati MG A 1956, Aivano - Rovere Lancia Beta Coupè 1981. Al termine della manifestazione che ha visto l’arrivo in Costigliole d’Asti, la carovana delle “nonnine” si è poi trasferita in quel di Moasca dove i cuochi della Pro Loco hanno deliziato i concorrenti con una saporita merenda. Sprecati gli elogi al Sindaco di Moasca Maurizio Bologna per l’ospitalità e a Stefano Casazza per la perfetta organizzazione. Ringraziamenti anche a Giuseppe Fiorio e Guido Mo oltre allo staff della Protezione Civile. (17 giu.)