La Ruota d’Oro promette spettacolo nella pianura del Monviso

Anche se mancano ancora diversi  mesi all’appuntamento del 13 e 14 settembre gli organizzatori della scuderia Veltro hanno praticamente già definito tutto il programma della XVIII edizione della Ruota d’Oro, gara di regolarità inserita nelle manifestazioni Asi di regolarità con  strumentazione libera. Il team organizzatore ha predisposto un percorso di circa 190 chilometri complessivi di cui 120 nella prima tappa ed i restanti in quella di domenica. Le prove di precisione saranno 60. Sulla tipologia del tracciato di gara è stata fatta molta attenzione per gratificare sia gli equipaggi agonistici sia quelli  che alla manifestazione chiedono anche aspetti  storici, culturali ed enogastronomici con la conoscenza di piatti della tradizione locale abbinati a location che possano fare apprezzare l’ospitalità locale. Verranno ripercorsi tratti di strada teatro negli anni Cinquanta e Sessanta  di mitiche sfide nell’ambito della prestigiosa Ruota d’Oro, durante la quale in una sola giornata di gara venivano percorsi oltre 500 chilometri. L’area interessata alla XVIII edizione della Ruota d’Oro sarà quella del Marchesato di Saluzzo sconfinando poi nel regno sabaudo con sullo sfondo il “re di pietra”, ovvero il Monviso. La partenza verrà data nella tarda mattinata di sabato 13 settembre dal centro di Cuneo fino a giungere all’imbrunire  nella pianura del Monviso. Domenica, con un percorso più breve, ma sempre comunque impegnativo, si farà ritorno nei dintorni di Cuneo. (24 mar.)